Come posso migliorare le prestazioni generali del sistema di Ubuntu?

335

Quali sono i tuoi consigli per migliorare le prestazioni generali del sistema su ubuntu? Ispirato da questa domanda mi sono reso conto che alcune impostazioni predefinite potrebbero essere piuttosto conservative su Ubuntu e che è possibile modificarlo con un rischio minimo o nullo se desideri renderlo più veloce.

Questo non è pensato per essere specifico per l'applicazione (ad esempio, rendere più veloce la pagina di caricamento di Firefox), ma a livello di sistema.

Preferibilmente 1 suggerimento per risposta, con abbastanza dettagli da consentire alle persone di implementarlo.

Un paio di miei sarebbe:

  • Installa Preload (tramite Software Center o sudo apt-get install preload );
  • Cambia Swappiness value - "che controlla il grado in cui il kernel preferisce scambiare quando tenta di liberare memoria" ;

Che cosa sono i tuoi?

PS: Dal momento che questo non è inteso per avere una risposta unica, ma piuttosto, diversi suggerimenti utili, sto rendendo questo wiki della comunità pronto all'uso.

    
posta Decio Lira 13.04.2017 - 14:24
fonte

40 risposte

173

Se sei "il Joe medio" , allora non fare nulla. Non giocherellare con programmi o impostazioni che non capisci. Non seguire i suggerimenti pubblicati su Internet come migliorare le prestazioni del tuo sistema compilando alcuni software da te o installando un kernel selfmade.

Alcuni di questi suggerimenti potrebbero darti miglioramenti minori delle prestazioni, ma alcuni di essi ti daranno un vero mal di testa, se hai cambiato le impostazioni sbagliate, disabilitato il servizio sbagliato, installato il driver sbagliato ecc.

Quindi, sii felice del tuo sistema ben funzionante. E BTW: perché dovresti aver bisogno di quei 5 percento di miglioramenti delle prestazioni? Non porterà a digitare più velocemente i documenti dell'ufficio o a modificare le foto delle vacanze in metà tempo.

E per essere chiari: se non sei un Joe medio, ma uno sviluppatore / giocatore hardcore / ... che ha bisogno di un ciclo che puoi ottenere, non sei il bersaglio di questo commento ...

    
risposta data Bananeweizen 20.08.2010 - 21:14
fonte
98

Disabilita l'avvio automatico di tutti i servizi che non sono necessari (o addirittura rimuovi completamente il pacchetto).

Molti pacchetti avviano automaticamente i servizi. Questi servizi utilizzano quindi memoria e CPU anche se non vengono quasi mai utilizzati. In questo caso è meglio interrompere questi servizi o eliminarli automaticamente e avviarli solo se sono necessari.

Per rimuovere le applicazioni dall'avvio il 10.04, vai a Sistema & gt; Preferenze & gt; Applicazioni di avvio (potrebbe essere leggermente diverso su altre versioni)

In 12.04, puoi selezionare le applicazioni di avvio facendo clic su Icona tratteggio . Quindi, digitare startup e selezionare "startup applications".






E basta deselezionare le app che non ti servono. Ma assicurati , non rimuovere solo le app che non conosci. Se non ne sei sicuro, lascia in questo modo. Una ricerca su google o una nuova domanda qui su programmi specifici ti aiuterà.

    
risposta data Decio Lira 13.04.2017 - 14:25
fonte
73
  

[Disclaimer] Amministrare quanto segue a proprio rischio.

Tushar Neupaney fornisce questi consigli qui :

1. Utilizza applicazioni più leggere (sostituisci le applicazioni predefinite con esse)

  • Gedit & gt; & gt; Mousepad
  • Visualizzatore di immagini (EOG ...) & gt; & gt; GPicView
  • Gestore di rete & gt; & gt; Wicd
  • Evince & gt; & gt; epdfview

2. Diminuisci Swappiness

  • sudo vim /etc/sysctl.conf

    Modifica: vm.swappiness = 10

3. Per i dual core (utilizza la concorrenza)

  • sudo vim /etc/init.d/rc

    Modifica: CONCURRENCY = shell

    L'opzione

    shell è ora obsoleta. Il valore predefinito è makefile e shell è entro il 2010-05-14 un alias per makefile .

4. Svuota la cache di apt in / var / cache / apt / archivi e l'elenco di apt-sources non necessario in /etc/apt/sources.list

  • sudo apt-get autoclean

5. Installa BUM (gestore avvio)

  • sudo apt-get install bum

    Rimuovi applicazioni e servizi non necessari all'avvio

6. Rimuovi alcuni TTY non necessari

  • sudo vim /etc/default/console-setup

    Modifica: ACTIVE_CONSOLES="/ dev / tty [1-3]"

    Nota: goto /etc/init/ e modifica i file di tty che NON vuoi. Modificali e commenta le righe iniziando con "start on runlevel". Quindi, in questo caso, commenterai la riga di partenza nei file "tty4.conf" in "tty6.conf".

7. Installa Prelink

  • sudo apt-get install prelink
  • sudo vim /etc/default/prelink

    Modifica: PRELINKING = Sì

  • sudo /etc/cron.daily/prelink

    In realtà, Prelink è inutile da quando Feisty Fawn (perché Ubuntu ora usa un linker di runtime molto efficace). Inoltre, è invadente: modifica direttamente i file eseguibili e alla fine li può distruggere. NON fallo.

8. Installa Preload

  • sudo apt-get install preload

9. Sbarazzati di kinit se non usi le funzioni di ibernazione e sonno.

  • sudo vim /etc/initramfs-tools/conf.d/resume

    Modifica: Commento (Inserisci # davanti a) RESUME = XXXX .........................

risposta data desgua 13.09.2013 - 17:57
fonte
42

Diminuisce il timeout del menu del caricatore di avvio

Sembra banale, ma ho trovato che i 10 secondi predefiniti in Ubuntu sono troppo lunghi per i miei gusti. Supponiamo che il mio schermo impieghi un po 'per regolare automaticamente la ris, vedo il contatore che legge 8 secondi a prima vista.

Modificherei il timeout a 3 secondi, dandomi un secondo per vedere il menu di avvio (tenendo conto del tempo in cui il mio schermo si adatta alla risoluzione). Un sacco di tempo, poiché premendo i tasti freccia per selezionare un altro elemento si arresta il contatore.

Grub (prima del 9.10 Karmic)

sudo -i gedit /boot/grub/menu.lst

Trova e modifica la linea " TIMEOUT "

Grub 2 (nuove installazioni di 9.10 Karmic e successive)

sudo -i gedit /etc/default/grub

Trova e modifica la riga " GRUB_TIMEOUT " ed esegui sudo update-grub

    
risposta data invert 09.05.2015 - 16:02
fonte
31

Ho sperimentato un aumento generale delle prestazioni dopo aver aggiunto " opzione noatime "per i miei filesystem (ext4 e reiserfs).

Non posso fornire test di velocità, ma ti invito a provarlo e vedere da solo.

Risorse utili sul forum di Ubuntu: Salvataggio del disco rigido con noatime in fstab .

    
risposta data dag729 22.08.2010 - 22:44
fonte
31

Se sei a corto di RAM, usa zramswap o zram-config da repository di Ubuntu. È lo scambio virtuale che comprime i contenuti RAM inutilizzati invece di metterli su disco (che di solito blocca il sistema dopo aver colpito la barriera RAM). Conosco poca o nessuna perdita di prestazioni invece di bloccare il sistema ogni volta che esaurisco la RAM.

Funziona solo per Natty e up (perché avrai bisogno del kernel 2.6.37.1 o più recente). Per i sistemi più vecchi puoi usare compcache , ma dovrai configurarlo manualmente.

Per coloro che non raggiungono mai il limite della RAM, comunque, dà comunque un po 'di velocità ai sistemi HDD, ma è meglio diminuire la swap per ottenere lo stesso effetto.

Utenti SSD: molto probabilmente non si verificheranno aumenti di velocità, ma zramswap può ridurre sensibilmente l'usura delle unità SSD.

    
risposta data Shnatsel 13.04.2017 - 14:23
fonte
20

Non sono sicuro che la mia risposta sarebbe idonea, perché Ubuntu di solito significa che le varianti di GNOME e Ubuntu che usano alternative più leggere hanno nomi leggermente diversi, come Xubuntu.

Rimuovere GNOME è la prima cosa che di solito suggerisco. Se sei soddisfatto di qualcosa di leggero come fluxbox, fallo.

    
risposta data vh1 21.08.2010 - 13:51
fonte
19

Cambia il tuo Disco Meccanico per un SSD

Le unità a stato solido sono molto più veloci e sembra essere il più bottleneck in quasi tutti i computer al giorno d'oggi.

Io, per esempio, ho riscontrato una diminuzione del tempo di avvio da ~ 15 secondi a ~ 3 secondi, e una grande diminuzione nelle app di primo avvio (Firefox, ad esempio, da ~ 5 secondi a meno di un secondo).

Vuoi qualche punto di riferimento? Qui è uno.

    
risposta data desgua 01.04.2013 - 14:32
fonte
18

Imposta vm.swappiness=10 in /etc/sysctl.conf . Ricevo un notevole miglioramento della velocità quando riempio la memoria. Poiché utilizzo la maggior parte del tempo con Eclipse, la memoria fisica può diventare un prodotto scarso.

EDIT:

Dalle Domande frequenti su Swap di Ubuntu :

"L'impostazione predefinita in Ubuntu è swappiness = 60. La riduzione del valore predefinito di swappiness probabilmente migliorerà le prestazioni generali di una tipica installazione desktop di Ubuntu. Un valore di swappiness = 10 è raccomandato , ma senti Nota: le installazioni dei server Ubuntu hanno requisiti di prestazioni diversi per i sistemi desktop e il valore predefinito di 60 è probabilmente più adatto. "

Le FAQ sono abbastanza complete su come spiegare cos'è lo swap, come viene usato e come modificarlo. Lettura consigliata per chiunque pensi di armeggiare con swappiness o la dimensione del file di swap su disco.

    
risposta data Decio Lira 07.02.2012 - 04:42
fonte
16

Per quanto sciocco possa sembrare, aggiorna sempre il tuo sistema!

    
risposta data Derek 26.08.2010 - 03:20
fonte
15

Su una macchina Ubuntu che ho, ho scoperto che l'impostazione di effetti desktop su none (disattivando tutti gli effetti grafici) ha prodotto un enorme miglioramento della velocità dell'interfaccia utente.

    
risposta data Skizz 21.08.2010 - 01:18
fonte
15

Metti la tua directory / tmp in un ram disk

link

    
risposta data Bigwave 20.03.2017 - 11:18
fonte
11

Ottimizzazione di ext4 per il massimo fumo

Abilita la modalità di writeback. Questa modalità fornirà in genere le migliori prestazioni di ext4. Si noti che ciò avviene a costo di affidabilità poiché disabilita l'inserimento nel journal per la scrittura dei dati. I dati possono essere scritti nel filesystem principale dopo che i suoi metadati sono stati inseriti nel journal. Come risultato, i vecchi dati potrebbero apparire nei file dopo un crash e un ripristino del journal.

tune2fs -o journal_data_writeback /dev/sdXX

# Check fs options
dumpe2fs /dev/sdXX |more

Documentazione da kernel.org :

  

In data = modalità writeback, ext4 non registra dati del journal. Questa modalità fornisce un livello di journaling simile a quello di XFS, JFS e ReiserFS nella modalità predefinita - journaling dei metadati. Un crash + recupero può causare la visualizzazione di dati errati in file scritti poco prima del crash. Questa modalità fornirà in genere le migliori prestazioni di ext4.

Ancora più fumo

Per aumentare ulteriormente le prestazioni aggiungi fstab opzioni: data=writeback,noatime,nodiratime

Ad esempio, modifica il /etc/fstab per trovare l'UUID per le tue unità e aggiungere / sostituire le opzioni esistenti

/dev/sdXX /opt ext4 defaults,data=writeback,noatime,nodiratime 0 0

Assicurati di aver usato tune2fs per attivare la modalità writeback PRIMA di modificare il file fstab e PRIMA di riavviare. Dico PRIMA perché ho riavviato dopo aver modificato il mio fstab ma prima ho attivato la modalità writeback e bloccato il mio avvio. Nulla è andato perso, ma ho dovuto usare un CD live per accedere e cambiare il mio fstab. Più sicuro se abiliti su un'unità non di avvio per testare prima.

Un enorme miglioramento della velocità sia in fase di avvio che di spegnimento e per l'utilizzo quotidiano.

Puoi anche disattivare la modalità Diario che darà un ulteriore vantaggio, per maggiore sicurezza assicurati di avere un UPS collegato e funzionante perché con queste funzionalità disattivate i tuoi dati non sono così sicuri, avendo detto che il mio sistema non lo fa Ho un UPS e la sua alimentazione è stata interrotta almeno tre volte e non ho subito perdite di dati, ma il tuo chilometraggio potrebbe variare.

    
risposta data Derek Brabrook 16.04.2016 - 07:54
fonte
10

Acquista tutta la memoria che ti puoi permettere e la macchina può contenere.

    
risposta data Thorbjørn Ravn Andersen 26.08.2010 - 00:36
fonte
9

Quanto segue è solo per esperti. Come suggerisce il nome, può e mangerà i tuoi dati, anche se stai attento.

eatmydata è un pacchetto drop che disattiva fsync. Fsync è un'operazione di sistema che garantisce che i tuoi dati vengano scritti su disco prima di continuare. In genere lo si desidera, poiché consente di ripristinare da interruzioni di corrente e guasti più facile, più veloce e meno perdita di dati. Tuttavia, ha un prezzo; tutto ciò che chiama fsycn dovrà attendere il suo turno, piuttosto che semplicemente consegnare dati al kernel per scrivere in un secondo momento. E in alcuni, forse anche in molti filesystem, fsync scriverà tutti i dati, non solo quelli che ti interessa proteggere.

Ci sono alcune situazioni specifiche in cui fsync non vale il costo. Immagina di avere un server in cui il numero scricchiola un mucchio di dati. Piuttosto che puntare questo in un database live, potrebbe essere più veloce eseguire il dump in un database locale coerente, installare eatmydata per disattivare fsync e lasciarlo andare. Questo può ancora andare in crash e perdere dati, ma dal momento che non è l'unica copia di nulla, puoi semplicemente riavviare il processo da zero. Oppure, ad esempio, i server di build di Ubuntu, in cui tutto ciò che ci interessa è il pacchetto finale prodotto. Oppure, dal lato del desktop, se un programma (come Firefox) sta sincronizzando così tanto sta rallentando l'intero sistema. Basta essere pronti a perdere tutti i dati associati all'uso di questo, o affrontare conseguenze disastrose.

    
risposta data jldugger 23.12.2010 - 20:47
fonte
6

Chiudi le applicazioni che non vengono utilizzate sempre.

Molte applicazioni standard utilizzano molta memoria e spesso anche CPU mentre sono in esecuzione in background. Webbrowser, client di posta elettronica ecc. Sono molto inefficienti nell'utilizzo della memoria e i javascript incorporati spesso utilizzano il tempo della CPU senza alcun vantaggio per l'utente.

Solo eseguendo le applicazioni attualmente utilizzate, il sistema sarà molto più veloce. Inoltre, l'interruzione delle applicazioni è l'unico modo per liberare la memoria persa in perdite di memoria.

L'avvio dell'applicazione su un sistema in esecuzione rapida è spesso inferiore rispetto al passaggio a Windows in un sistema sovraccarico e lento.

    
risposta data txwikinger 13.08.2010 - 19:16
fonte
6
  1. Usa il filesystem JFS . È solido rock . Ha utilizzo della CPU più basso e ottime prestazioni generali.

  2. Imposta vm.vfs_cache_pressure. Questo è il mio /etc/sysctl.d/10-desktop-responsiveness

    [anteponi le righe di commento con un #, questa interfaccia web non le gradisce ...]

    Queste impostazioni aumentano la reattività per un carico di lavoro desktop tipico.

vm.swappiness ordina al kernel di Linux di privilegiare il codice dell'applicazione cache quando questi due competono per la RAM.

vm.vfs_cache_pressure controlla la cache inode / dentry (cioè il filesystem) vs.  altre cache, cioè vogliamo mantenere i meta-dati del filesystem nella RAM, se possibile.

Da: link

vm.swappiness=15

vm.vfs_cache_pressure=50
    
risposta data paul 18.05.2013 - 19:29
fonte
6

L'unità tende ad essere un po 'affamata di risorse, anche se sono sorpreso di sentire che hai sperimentato prestazioni altrettanto scarse anche con Unity2D. Una possibile soluzione sarebbe quella di giocare con altri ambienti desktop più leggeri come Lubuntu (LXDE) o Xubuntu (XFCE). Penso che vedrai una sostanziale differenza nella reattività e nelle prestazioni complessive.

Inoltre, puoi provare ad accedere al gestore delle applicazioni di avvio e deselezionare applicazioni e processi che non ti servono automaticamente all'avvio di Ubuntu (ad es. Bluetooth Manager se non hai bluetooth, UbuntuOne se non usi usarlo, programmi che semplicemente non usi, ecc.) Prima di fare ciò, innanzitutto rendere visibili le applicazioni di avvio nascoste nel gestore di avvio:

sudo sed -i 's/NoDisplay=true/NoDisplay=false/g' /etc/xdg/autostart/*.desktop
    
risposta data mblasco 29.08.2012 - 20:42
fonte
5

Configura Swap

Parte 1. Impostare lo swappiness. Questo può essere come da risposta di degusa, ma potrebbe essere l'opposto, e avrà più effetto quando lo è.

Uno scenario in cui alcuni di noi sono felici di entrare è quando disponiamo di molta RAM. In genere, una piccola percentuale viene utilizzata direttamente dal kernel e dalle applicazioni, alcune (forse una grande quantità se si sono usate altre modifiche per migliorare le prestazioni come il montaggio / tmp in memoria) usate per ramfs e tmpfs, e concerti e concerti usati come cache del disco per rendere più veloce l'accesso ai file.

In questo scenario, una volta che la memoria utilizzata totale inclusa la cache diventa alta e un'applicazione ha bisogno di più RAM, Linux deve decidere se prendere una certa quantità di cache dal file system o passare alla partizione / file di swap.

Dato che abbiamo tonnellate di RAM, e probabilmente ci preoccupiamo solo dello swap, così potremmo attivare la sospensione, vogliamo che si spinga a prendere un po 'di quella cache copiosa, e quindi vogliamo una bassa swappiness. Se non ci interessa essere in grado di ibernare, potremmo anche scoprire che una macchina con una RAM così elevata non ha bisogno di swap.

Un altro scenario è una persona con una RAM bassa che passa da poche applicazioni pesanti a una quantità ragionevole di tempo ciascuna. Immaginate forse un webdiver che passa un po 'di tempo sul loro IDE, alcuni su un editor di grafica, alcuni sul browser di scelta, un po' su altri browser per verificare problemi di compatibilità e forse 5 minuti ogni ora sul loro client di posta. Stanno anche colpendo ripetutamente gli stessi file con letture e scritture e quindi beneficiando in modo apprezzabile della cache dei file. Questa persona potrebbe probabilmente trarre vantaggio dal fatto che Linux sia più desideroso di sostituire la memoria utilizzata da qualsiasi di quelle pesanti applicazioni in cui attualmente non sono attive, quindi lo swap dovrebbe probabilmente essere più elevato per loro.

Non solo l'impostazione migliore per loro è probabilmente più alta del consiglio più comune, ma probabilmente lo noteranno più della persona che ha sempre dei concerti da risparmiare comunque.

Parte 2. Priorità e amp; numero di partizioni.

Ogni partizione di swap ha una priorità e linux la userà per prima. Se non è impostato in / etc / fstab, verrà considerato negativo a partire da -1 (le impostazioni esplicite sono comprese tra 0 e 32767 e quindi -1 è inferiore a qualsiasi set esplicito) e continueranno in ordine in fstab a -2, - 3 e così via.

L'impostazione migliore dipende da dove sono fisicamente le partizioni. Se ne hai solo uno, allora non importa (ma forse dovresti averne più di uno, quindi continua a leggere).

Se ne hai due o più sulla stessa unità fisica, allora dovrebbero avere priorità diverse in modo che non provi a utilizzare due partizioni che richiedono la ricerca tra di loro (qualcuno sa se questo viene automaticamente evitato?). Le impostazioni predefinite vanno bene. Probabilmente non è una buona idea avere due swap sulla stessa unità, ma può succedere se ne hai creata una e poi hai deciso di aver bisogno di più scambi più tardi (magari aggiungendo più RAM).

Se hai due o più su due o più dischi fisici che hanno circa la stessa velocità, allora impostarli sulla stessa priorità significherà che linux li userà entrambi allo stesso tempo, il che offre prestazioni migliori per ragioni analoghe a perché RAID o semplicemente assicurando che ci siano file usati frequentemente su entrambe le unità - il lavoro viene diviso tra loro.

Se hai due o più unità fisiche con la stessa velocità, ma esegui lo swap solo su uno, forse dovresti cambiarlo, per i motivi sopra indicati.

Se hai due o più dischi fisici, a velocità molto diverse, generalmente vuoi che il disco più veloce abbia una priorità più alta di quella più lenta, quindi viene usato prima. Potresti anche non voler scambiare più lentamente, anche se potrebbe avere senso se per es. hai un piccolo swap su una veloce ma piccola unità per lo scambio rapido e uno swap più grande sul disco più lento in modo da avere abbastanza spazio per ibernare.

Se il più veloce dei due è un SSD, allora ci sono due alternative con diversi pro e contro:

  1. Massima priorità, o forse solo, swap su SSD, per velocità.
  2. Scambia solo su non SSD, per ridurre le scritture sull'SSD e quindi aumentarne la durata.

Il numero 2 è probabilmente quello da prendere se si ha solo lo swap per consentire l'ibernazione e in caso contrario la tua RAM copiosa significa che non ne hai davvero bisogno (e se stai spendendo soldi su un SSD, dovresti spendere anche su RAM) a meno che tu non sia un fanatico della velocità di boot che vuole fare il boot dal letargo a una velocità che ti farà vedere il tuo sofisticato impianto high-spec! In caso contrario, il saldo si basa sulla velocità rispetto alla vita SSD.

Se hai un disco che esiste solo per lo swap in modo da non competere con altri I / O di file, allora presumibilmente sei un disco rigido per le prestazioni e già conosci meglio di me e leggi solo questo per vedere se ho qualcosa di sbagliato!

    
risposta data Jon Hanna 30.07.2012 - 15:16
fonte
5

Se vuoi dare un'occhiata a quali servizi sono avviati dopo l'avvio su Ubuntu 10.04 esegui "jobs-admin".

sudo apt-get install jobs-admin
    
risposta data janot 04.03.2015 - 02:11
fonte
4

Se stiamo parlando di passare dal BIOS alla connettività Internet, posso raccomandare di configurare la rete senza usare NetworkManager, personalmente ho fatto questo perché ho un server DHCP molto lento e NetworkManager non inizia a cercare la rete finché non ve loggato.

    
risposta data LassePoulsen 14.08.2010 - 00:22
fonte
4

usa programmi più leggeri invece di default: gnumeric invece di oo calc, abiword invece di oo write e così via

    
risposta data user7757 21.12.2010 - 22:15
fonte
4

Se utilizzi un desktop Unity, prova con un'interfaccia più leggera come LXDE o Xfce.

    
risposta data Marco Hemminger 17.06.2012 - 13:14
fonte
4

Trovato ciò che stava rallentando la mia macchina: gwibber-service . Forse perché ho un account su Twitter che segue un sacco di gente e quando si è aggiornato la macchina è andata male.

Stavo monitorando la macchina con il top come detto @kmassada e quando è stato veramente lento ho notato il processo. Quindi eseguendo:

sudo sed -i 's/NoDisplay=true/NoDisplay=false/g' /etc/xdg/autostart/*.desktop

come @blasmat indicato per passare attraverso le applicazioni di avvio, ho potuto vedere che il servizio è stato avviato automaticamente e l'ho disabilitato. Ora il mio computer è molto più veloce. Penso che ci siano ancora miglioramenti che riesco a fare (non lo sento nelle migliori condizioni), ma dopo 20 ore di test della performance posso dire che va davvero bene.

    
risposta data Christian Vielma 30.08.2012 - 18:50
fonte
4

L'utility ubuntu-tweak ha un pratico strumento "Janitor" che ti permette di svuotare molto facilmente cache e pacchetti orfani.

sudo apt-get install ubuntu-tweak

Si noti che a partire dal 16-04-2016 Ubuntu Tweak viene abbandonato, con l'ultimo aggiornamento rispetto all'anno precedente - vedi link (cosa rende obsoleto link ).

    
risposta data Cormac O'Brien 16.04.2016 - 08:14
fonte
3

Utilizza apt-fast anziché apt-get e metti la tua cache apt su tmpfs.

Avrai bisogno di aria o axel affinché apt-get funzioni così prima:

apt-get install aria2c

o

apt-get install axel

Ho usato aria. Allora hai bisogno di apt-fast.

sudo add-apt-repository ppa:apt-fast/stable && sudo apt-get update && sudo apt-get install apt-fast

Rispondi alle domande, e da quel momento in poi apt-fast si comporterà come apt-get in ogni aspetto tranne che scarica pacchetti in parallelo. Non fa differenza se stai per installare una singola applicazione, ma molte per installazioni più grandi.

In combinazione, con questo, il mio / etc / fstab ha:

tmpfs /var/cache/apt/archives tmpfs defaults,noatime,mode=1777 0 0

Questo ha il rovescio della medaglia che se lo stesso pacchetto viene usato più volte su diversi boot, dovrà scaricarlo di nuovo, ma poi potrebbe essere stato comunque aggiornato nel frattempo. Ha il vantaggio di un accesso più rapido, la pulizia automatica dei pacchetti inutilizzati al riavvio.

Da quando ho reinstallato molto nel corso di questi esperimenti, mi ha permesso di fare un confronto. Dopo l'installazione di 12.04 uno al momento della scrittura avrà circa 300 aggiornamenti tra cui un aggiornamento del kernel disponibile subito dopo l'installazione. Ho ignorato il programma di aggiornamento del software e ho apportato le modifiche precedenti prima di apt-fast update && apt-fast dist-upgrade e la parte di download è molte volte più veloce (l'installazione effettiva richiede lo stesso tempo).

Ho un alias di alias apt-get="apt-fast" quindi non ho nemmeno bisogno di cambiare abitudini (le uniche differenze sono il feedback diverso sul download, una conferma sul fatto che voglio scaricarle e un sudo implicito dovrei dimenticalo, ma i comandi per attivare qualsiasi cosa sono gli stessi).

    
risposta data Jon Hanna 02.08.2012 - 01:07
fonte
2

Vorrei verificare quali processi sono in esecuzione e quali utilizzano la maggior parte della memoria. Potrebbe esserci qualcosa che stai installando che è un hogger di memoria. utilizzare il comando superiore o il monitor di sistema.

Se non ti piacciono le caramelle, ti consiglio persino di installare i seguenti pacchetti. Ho notato un notevole tempo di risposta tra unità e gnome di base

sudo apt-get install gnome-core gnome-session-fallback

Vorrei anche controllare le mie applicazioni di avvio per vedere cosa viene eseguito all'avvio e cosa non è necessario eseguire all'avvio.

E vorrei anche verificare la reattività in applicazioni specifiche.

l'ultima cosa che controllerei le impostazioni grafiche. Forse hai bisogno di compromettere la durata della batteria per le prestazioni.

    
risposta data kmassada 30.08.2012 - 14:22
fonte
2

Un altro buon modo per aumentare le prestazioni è installare CompizConfig Settings Manager e disabilitare effetti di animazione, Fading Windows e Window Decorations. Anche desktop wall ed Expo sono un'opzione.

Inoltre, usa il filtro texture veloce sotto OpenGL

    
risposta data Sergiy Kolodyazhnyy 07.02.2015 - 17:03
fonte
2

Prova un leggero gusto per la community di Ubuntu

Invece di scherzare con il tuo sistema Ubuntu: fare una nuova installazione di un gusto della comunità di Ubuntu , un sapore con lo stesso motore Ubuntu sotto il cofano, ma con un ambiente desktop leggero e con un accendino programmi applicativi.

  • l'ultra-leggero Lubuntu o

  • la luce media Ubuntu MATE o Xubuntu .

Provali dal vivo prima di installare. È una buona idea continuare a utilizzare le versioni LTS e suggerisco di iniziare con 16.04.1 LTS, che è la versione con il supporto più lungo rimasto fino alla fine del ciclo di vita. Vedi suggerimenti dettagliati ai seguenti link,

La versione con il tempo di supporto più lungo (quando questo è scritto)

È piuttosto difficile trovare 16.04.1 LTS , la versione con il tempo di supporto più lungo. I seguenti collegamenti funzionano (2017-06-29),

risposta data sudodus 29.06.2017 - 11:49
fonte
1

Prova il patchk ck: link

È un kernel con patch sperimentali per migliorare le prestazioni del desktop.

    
risposta data user1974 17.04.2011 - 04:15
fonte

Leggi altre domande sui tag