Perché / home / utente ha chiamato "Home" in Nautilus (e altri file manager, come pcmanfm)?

11

Domanda molto semplice. Quando sono nella mia home directory nel terminale e digito pwd ottengo /home/<myusername> . Ed è la stessa directory quando mi trovo nella sezione Home di Nautilus:

Gestori di file Ubuntu e Lubuntu:

Allora perché è la stessa directory ma si chiama in modi diversi? A volte confonde quando si passa attraverso le directory nel terminale.

    
posta user1880405 19.06.2014 - 16:42
fonte

6 risposte

20

La "Casa" in nautilus è semplicemente un link a /home/<username> . È lo stesso modo in cui Windows mette nomi diversi (ad esempio "Documenti", ma è "Documenti" nel terminale).

È per renderlo più user friendly, vogliono che il tuo spazio "Home" sia ovvio come trovarlo. Solo gli utenti più esperti scoprono che è diverso, quindi non si creano conflitti con altri utenti. È anche più facile quando aiuti qualcuno in remoto, per dire " Fai clic su casa "

In genere , la tua cartella Inizio è /home/user , ma è facoltativa. Un amministratore di sistema può metterlo ovunque, e il link Home di nautilus reindirizzerà alla nuova posizione, se è impostato in /etc/passwd .

    
risposta data Tim 19.06.2014 - 16:46
fonte
17

Si chiama la Home directory dell'utente, anche quando lavora dalla riga di comando di Linux. Tutte le directory in /home sono chiamate directory Home, sono raggruppate per semplicità. Pensala in questo modo: proprio come /bin memorizza i binari, /home memorizza le Home directory.

Quindi quando Nautilus ti dice che la directory è "Casa", è letteralmente "La tua Home directory", e quindi non è un termine improprio. È la cultura di Linux.

Un'altra persona ha sottolineato che la variabile d'ambiente $ HOME è impostata sulla Home directory di un utente. Il nome della variabile ha lo stesso motivo dietro di esso come il nome "Home", ovvero è la cultura.

Perché è la cultura?

In un'istanza Linux ideale, tutto ciò che l'utente fa, tutta la configurazione personalizzata, tutti i documenti, i file di qualsiasi tipo, esisteranno all'interno di quella cartella. Appartiene all'utente, si trova nella Home directory dell'utente. Ciò significa che l'utente può tenere per sé e fa sapere dove è più facile la tua roba. Il kernel del computer, i programmi, i controlli di avvio, tutto il necessario per eseguire il computer, possono andare ovunque tranne che all'interno dello spazio generato dall'utente, la loro home directory. Linux non installa alcun programma all'interno della directory home (i programmi di terze parti potrebbero farlo comunque) e c'è sempre una configurazione a livello di sistema che un utente potrebbe sovrascrivere se lo desidera. La configurazione di override sarebbe, ovviamente, nella loro home directory. Se passassi da un computer Linux a un altro, e tutto ciò che avevi portato con te era la tua home directory, se l'altro computer [era configurato per vederti come utente e] avevi installati gli stessi programmi, sarebbe quasi come se eri sul tuo computer originale.

    
risposta data Aviator45003 19.06.2014 - 20:17
fonte
7

La variabile di ambiente HOME memorizza il percorso della tua directory /home/<username> .

$ echo $HOME
/home/avinash
$ pwd
/home/avinash

Quindi quando sei in /home/<username> directory (nautilus), viene visualizzata la variabile corrispondente HOME .

    
risposta data Avinash Raj 19.06.2014 - 16:46
fonte
3

La cartella principale di un utente è, concettualmente, il proprio spazio personale all'interno del filesystem. È il posto in cui possono fare (quasi) tutto ciò che vogliono senza doversi preoccupare di rovinare il sistema in generale. Ubuntu mette le cartelle home della maggior parte delle persone come /home/[username] di default, ma possono andare praticamente ovunque nel filesystem. Possono anche essere cambiati, anche se non si tratta solo di trascinare la cartella in un altro posto: per eseguire questa operazione è necessario scavare abbastanza in profondità nella configurazione del sistema.

Ubuntu, Lubuntu e altri sistemi a volte hanno i loro nomi per questa cartella all'interno delle loro interfacce utente. Questo perché, a differenza di Mac OS X o Windows, non esiste un singolo team che lavori su "la GUI di Linux". In realtà, non c'è un singolo software che può essere chiamato "la GUI di Linux" . Ci sono molte diverse distribuzioni derivate da Ubuntu, ma per molte di esse la scelta della GUI che usano di default è la più grande differenza tra loro.

Non esiste una singola squadra che funzioni su tutte queste GUI: ognuna ha il suo. Esistono alcuni standard che le diverse GUI usano per interagire tra loro, ma non esiste uno standard unificante per nominare cose come la cartella home , quindi le GUI diverse lo fanno diversamente. Questo è quello che vedi qui.

    
risposta data The Spooniest 20.06.2014 - 15:17
fonte
0

L'utilizzo di un'etichetta generica per la cartella Inizio è vantaggioso per qualsiasi sistema operativo che offra assistenza ai clienti.

È molto più semplice camminare qualcuno facendo clic su "Home", piuttosto che far passare qualcuno, "Cartella principale ... con il tuo nome utente ... qual è il tuo nome utente sulla macchina? ... questo è il tuo nome completo che viene visualizzato per il gestore di login, ma dovresti avere un nome utente senza spazi in esso ... OK, leggimi tutte le cartelle che vedi ... "

    
risposta data rich remer 20.06.2014 - 05:23
fonte
0

Etichetta diversa, stesso concetto di base. La cartella principale dell'utente è / home / e di riferimento per variabile d'ambiente: HOME. In generale, c'è un file di configurazione per configurarlo.

    
risposta data Hoai-Thu Vuong 20.06.2014 - 11:28
fonte

Leggi altre domande sui tag