SSH e x11vnc con più utenti

4

Ho una workstation Ubuntu 12.04 a casa che uso anche quando sono al lavoro. Anche la mia ragazza la usa quando sono al lavoro. L'accordo è che mi connetto tramite ssh mentre sta lavorando fisicamente alla macchina.

Vorrei poter avere una sessione desktop remota sul mio utente senza doverla disconnettere. Finora, sono stato in grado di connettermi in remoto alla mia workstation usando x11vnc e ssh con il seguente comando

sudo x11vnc -create -safer -localhost -nopw -once -auth /var/run/lightdm/root/:0 -display :21

Uso Windows come computer client con mastice e tightvnc.

Ho letto che devo avviare un server X su un display specifico prima di eseguire il comando x11vnc. Tuttavia, ogni volta che lo faccio, registro la mia ragazza fuori dalla macchina e forza il display fisico a mostrare quello che sto facendo.

C'è un modo per connettersi in remoto alla mia workstation e avere una sessione X senza registrare nessuno?

Ho provato il normale inoltro X11 tramite putty / xming, ma è dolorosamente lento

Grazie!

EDIT: nel caso in cui le persone abbiano problemi con questo in futuro, ho usato la guida nel seguente sito web: link L'ho appena testato e funziona benissimo: buona velocità, vnc su ssh e nessuno si disconnette

    
posta Damian 17.07.2012 - 17:31

2 risposte

2

Utilizza invece il pacchetto vncserver . Devi utilizzare un ambiente desktop diverso da Unity 3D / Gnome 3, quindi configuralo per farlo.

    
risposta data ish 17.07.2012 - 19:38
0

Sto usando un altro modo per farlo, mentre continuiamo a usare x11vnc e non un altro pacchetto come vncserver.

Aggiungi queste opzioni alla riga di comando x11vnd: -shared -forever

Opzione condivisa: la visualizzazione VNC è condivisa, ovvero più di un visualizzatore può connettersi contemporaneamente (impostazione predefinita disattivata).

Opzione - sempre: continua ad ascoltare più connessioni invece di uscire non appena i primi client si disconnettono. Lo stesso di -molti

[ link

    
risposta data Rolf 29.11.2017 - 23:22

Leggi altre domande sui tag