Come personalizzare il Live CD di Ubuntu?

195

Vorrei personalizzare il live CD di Ubuntu installando alcuni pacchetti aggiuntivi. Ho seguito questo ma sembra non funzionare. Qualcuno può fornire istruzioni chiare?

Nota : non preferisco Remastersys, il modo manuale sarà apprezzato.

Personalizzazione

Pacchetti che voglio installare:

  • Thunderbird
  • Samba
  • SSH

Modifiche di cui ho bisogno:

  • Rimuovi il menu Giochi dal menu Applicazione
  • Collegamento a Firefox sul desktop
  • Radiance come tema predefinito
  • Sfondo di Ubuntu predefinito diverso

Modifiche al file di configurazione

  • Voglio che il pannello sia posizionato in basso
  • Voglio incollare il mio file di configurazione Samba invece della configurazione predefinita di Samba
  • Ho alcune scorciatoie e cartelle di Firefox che vorrei mostrare in Desktop
  • Inoltre, sarebbe bello se tu mi dicessi come cambiare i set di icone

Aggiornamenti recenti

  • Ho personalizzato Ubuntu 10.10 con scorciatoie di Firefox e poche cartelle sui desktop. Tutto è andato liscio. Ma il programma di installazione si blocca dopo aver scelto il fuso orario. Come posso risolvere questo problema?

  • Anche l'impostazione dello sfondo influisce sulla schermata di accesso. Anche lo sfondo che ho impostato viene visualizzato nella schermata di accesso. Voglio solo quello predefinito per la schermata di accesso.

posta karthick87 13.06.2011 - 18:34

14 risposte

114

Nota: il progetto di Ubuntu Builder è stato interrotto .

Creazione di un CD 12.04 personalizzato con Gnome-Classic utilizzando Ubuntu-Builder

(per ora, questo è specifico per i bisogni di Karthik, aggiornerò la risposta più tardi con cose più generali / Unity-specifiche)

1. Ottieni Ubuntu Builder e la tua sorgente ISO

Ubuntu Builder automatizza molti dei passaggi preliminari che dovevano essere fatti a mano (montare ISO, estrarre squashfs, creare chroot, ecc.) Ti dà anche Synaptic e un chroot "grafico" (Unity UI).

Aggiungi il PPA per installare Ubuntu Builder:

sudo add-apt-repository ppa:kamilion/ubuntu-builder
sudo apt-get update
sudo apt-get install ubuntu-builder

Scarica anche l'ISO di Ubuntu Desktop con cui hai intenzione di lavorare.

2. Nozioni di base su Ubuntu Builder

  • Avvia Ubuntu Builder dal Launcher. Vi consiglio di impostare tutti e tre i campi su "Ubuntu" (come il vero LiveCD), perché l'impostazione dei campi personalizzati ha portato a crash del Software Center. Quando installi, puoi sempre scegliere il tuo nome utente, il nome della macchina, ecc.

  • carica la tua ISO; Ho caricato il 64-bit con l'opzione Disco locale , anche se Ubuntu Builder dovrebbe essere in grado di scaricare l'ISO se lo si desidera.

  • I pulsanti a destra sono auto-esplicativi. Console ti fornisce un chroot CLI, mentre Desktop ti offre un grafico , ovvero una sessione di CD stesso ( questo può richiedere un po 'di tempo per caricare). Nota che Select DE/WM fa un lavoro incompleto a volte, quindi è meglio installarlo tramite apt-get / Synaptic.

3. Aggiornamento, aggiunta di Gnome Classic e altra gestione dei pacchetti

  

Nota: Tutto questo può essere fatto anche da Synaptic se ti senti più a tuo agio.

  • Puoi modificare sources.list con il pulsante (o tramite la console) per aggiungere i tuoi mirror, ppas, ecc.

Iniziamo con:

  • Rimuovi i giochi
    apt-get remove --purge aisleriot gnome-games-data gnomine mahjongg -y
  • Fai un aggiornamento generale e dist-upgrade alle ultime cose (facoltativo, ma consigliato poiché Gnome-classic e altri pacchetti che aggiungi saranno le ultime versioni) - in 12.04, questo step installa anche Thunderbird e il core Samba componenti. Inoltre, farà risparmiare tempo sull'installazione effettiva.
    apt-get update && apt-get dist-upgrade
  • Installa Gnome Classic ( gnome-shell per inserire indicatori, ecc.), Samba e SSH:
    apt-get install gnome-shell samba ssh

4. Personalizzazione 1: file, configurazioni e rimozione del pannello superiore

  

Nota: tutti i comandi devono essere eseguiti dalla console chroot di Ubuntu Builder se non diversamente specificato (di solito quando si copiano file dal proprio sistema). Il percorso assoluto del chroot è /home/ubuntu-builder/FileSystem

  1. Sostituisci il file di configurazione di Samba (dal tuo terminale di sistema, cioè chroot esterno!)

    sudo cp /path/to/mysmb.conf /home/ubuntu-builder/FileSystem/etc/samba/smb.conf
  2. Inserisci il collegamento a Firefox sul desktop:

    mkdir -p /etc/skel/Desktop && cd /etc/skel/Desktop
    cp /usr/share/applications/firefox.desktop .
    chmod +x firefox.desktop
    
  3. Copia scorciatoie e cartelle personalizzate sul desktop (da chroot esterno!)

    sudo cp -r /path/to/mydesktopitems/ /home/ubuntu-builder/FileSystem/etc/skel/Desktop/
  4. Imposta gnome-classic come shell predefinita:

    /usr/lib/lightdm/lightdm-set-defaults -s gnome-classic
  5. Rimuovi il pannello Gnome-Classic in alto e sposta gli elementi in cima al pannello in basso:

    • Apri il layout del pannello predefinito:
      nano /usr/share/gnome-panel/panel-default-layout.layout
    • Elimina il pannello superiore rimuovendo le righe 1-4:
      [Toplevel top-panel]
      expand=true
      orientation=top
      size=24
      
    • Sposta il menu di avvio in basso a sinistra modificando il valore in grassetto per il parametro in corsivo come indicato di seguito:
      [Object menu-bar]
      object-iid=PanelInternalFactory::MenuBar
      toplevel-id=bottom-panel
      pack-index=0
      
    • Sposta gli indicatori in basso a destra, appena a sinistra del commutatore dell'area di lavoro, modificando il valore in grassetto per i parametri in corsivo come segue:

      [Object indicators]
      object-iid=IndicatorAppletCompleteFactory::IndicatorAppletComplete
      toplevel-id=bottom-panel
      pack-type=end
      pack-index=1
      
    • Rimuovi il pulsante "Mostra desktop" in basso a sinistra; Preferisco che il menu Start sia la prima cosa lì, puoi lasciarlo o spostarlo in basso a destra, ecc. Elimina queste righe:

      [Object show-desktop]
      object-iid=WnckletFactory::ShowDesktopApplet
      toplevel-id=bottom-panel
      pack-index=0
      
    • Salva ed esci.

5. Personalizzazione 2: sfondi e temi

  

Nota: /usr/share/glib-2.0/schemas contiene la maggior parte delle impostazioni di sfondo / tema predefinite; Ho trovato più facile modificare direttamente quelli per un LiveCD invece di dover gestire cose complicate solo per, ad esempio, impedire lo sfondo della schermata di accesso è lo stesso dello sfondo del desktop.

  1. Disabilita la schermata di accesso (lightdm) da "copiare" lo sfondo del desktop e altre modifiche:

    • Apri nano /usr/share/glib-2.0/schemas/com.canonical.unity-greeter.gschema.xml
    • Puoi modificare lo sfondo di accesso dal predefinito qui se vuoi:
      <key name="background" type="s">
      <default>'/usr/share/backgrounds/warty-final-ubuntu.png'</default>
      
    • Disattiva "copia" dello sfondo del desktop impostandolo su false :
      <key name="draw-user-backgrounds" type="b">
      <default>false</default>
      
    • Imposta il tema di accesso su Radiance:
        <key name="theme-name" type="s">
      <default>'Radiance'</default>
      
  2. Cambia lo sfondo predefinito; qui, lo imposteremo sul " Tie My Boat " ( /usr/share/backgrounds/Tie_My_Boat_by_Ray_García.jpg ):

    • Apri nano /usr/share/glib-2.0/schemas/10_gsettings-desktop-schemas.gschema.override e modifica la riga sottostante al percorso del file:
    picture-uri='file:///usr/share/backgrounds/warty-final-ubuntu.png'
    
  3. Cambia il tema in Radiance

    • Apri il file di sovrascrittura del tema di Ubuntu '' nano /usr/share/glib-2.0/schemas/ubuntu-artwork.gschema.override ', e modifica l' Ambiance sotto per Radiance :
      [org.gnome.desktop.interface]
      gtk-theme="Ambiance"
      ...
      [org.gnome.desktop.wm.preferences]
      theme="Ambiance"
      
  4. Importante: compila gli schemi modificati!

    • Ora che abbiamo finito di personalizzare, compila gli schemi modificati con:
      glib-compile-schemas /usr/share/glib-2.0/schemas 

6. Costruisci, prova e installa!

  • Premi il tasto Build in Ubuntu Builder per iniziare a creare l'ISO Live-CD personalizzato. UB gestisce automaticamente la pulizia, ecc. Che in precedenza doveva essere eseguita manualmente.

  • L'ISO può essere trovato in /home/ubuntu-builder ; puoi testarlo usando il built-in QEMU, o in un'altra macchina virtuale.

  • La dimensione del mio CD finito era 778 MB (dopo aver rimosso il vecchio kernel .23 ), con Unity e Gnome 3D ancora disponibili se l'utente lo desidera, quindi è abbastanza buono per una personalizzazione! :)

Il seguente risultato dovrebbe essere:

  1. Dopo l'avvio, ottieni l'opzione "Prova Ubuntu" o "Installa Ubuntu":

  2. Facendo clic su "Prova" ci viene fornito il nostro desktop personalizzato!

  3. E la disconnessione (login con ubuntu , password vuota) mostra che lo sfondo login è mantenuto al default:

  4. Il programma di installazione non si arresta in modo anomalo sulla selezione del fuso orario:

  5. Seleziona nome utente, ecc. per l'installazione:

  6. Schermata di accesso installato:

  7. Desktop installato:

risposta data ish 29.06.2012 - 13:09
108

Creazione del tuo Live CD personalizzato, in modo manuale.

1. I preparativi

  • Per prima cosa scarichi Live CD ISO . Durante il download installa alcuni software necessari per la ricostruzione: sudo apt-get install squashfs-tools dchroot

    Squashfs è un filesystem di sola lettura compresso per Linux.

    dchroot consente agli utenti di eseguire comandi o shell interattive in chroot diversi.

  • Monta il Live CD:

    mkdir /tmp/livecd
    sudo mount -o loop ~/Downloads/ubuntu-11.04-desktop-i386.iso /tmp/livecd
    

    Se si utilizza un'altra ISO o un'altra posizione per il download, si prega di regolare di conseguenza.

  • Crea un'area di lavoro e copia i contenuti nell'area di lavoro:

    mkdir -p ~/livecd/cd
    rsync --exclude=/casper/filesystem.squashfs -a /tmp/livecd/ ~/livecd/cd
    mkdir ~/livecd/squashfs  ~/livecd/custom
    sudo modprobe squashfs
    sudo mount -t squashfs -o loop /tmp/livecd/casper/filesystem.squashfs ~/livecd/squashfs/
    sudo cp -a ~/livecd/squashfs/* ~/livecd/custom
    
  • Se si verifica un errore come questo durante l'esecuzione di modprobe:

    sudo modprobe squashfs 
    WARNING: Deprecated config file /etc/modprobe.conf, 
    all config files belong into /etc/modprobe.d/
    

    sposta il modprobe.conf mv /etc/modprobe.conf /etc/modprobe.conf.OLD e riprova!

  • Accesso di rete:

    sudo cp /etc/resolv.conf /etc/hosts ~/livecd/custom/etc/
    
  • Crea uno pseudo filesystem:

    sudo chroot ~/livecd/custom /bin/bash -l
    mount -t proc none /proc/
    mount -t sysfs none /sys/
    

2. Personalizzazione

  • Puoi ottenere un elenco di tutti i pacchetti con % Co_de%

  • Puoi rimuovere giochi con dpkg-query -W --showformat='${Package}\n' | less

  • Aggiorna i tuoi sorgenti con apt-get remove --purge gnome-games . Commenta le righe che non vuoi e rimuovi quelle che vuoi, aggiungi i PPA se lo desideri e poi devi aggiornare con sudoedit /etc/apt/sources.list

  • L'aggiunta di pacchetti come thunderbird, Samba, Samba system config e SSH viene eseguita nello stesso modo in cui verrebbe normalmente installata dalla riga di comando. Quindi apt-get update && apt-get dist-upgrade aggiungerà quelli.

  • Se hai scaricato il pacchetto manualmente, puoi installarlo con sudo apt-get install thunderbird samba system-config-samba ssh

    • Puoi controllare Ubuntu Software Center, Synaptic o il sito web dei pacchetti per i nomi se è necessario installare altro.
    • Potresti prendere in considerazione l'aggiunta di utilità di rete (wireless).
    • Si eseguirà rapidamente oltre 800 Mb; se lo fai rimuovi più pacchetti per ottenere meno di 800 o hai bisogno di usare un DVD durante la masterizzazione. La rimozione di libre office ti libererà più di 33 Mb se non ne hai bisogno.
  • Per creare un collegamento AskUbuntu sul desktop:

    mkdir -p /etc/skel/Desktop && printf '[Desktop Entry]\nVersion=1.0\nName=Ask Ubuntu\nComment=Ask Questions About Ubuntu\nGenericName=Question and Answers\nExec=xdg-open http://askubuntu.com\nTerminal=false\nX-MultipleArgs=false\nType=Application\nIcon=firefox\nCategories=Internet;\n' > /etc/skel/Desktop/askubuntu.desktop && chmod a+x /etc/skel/Desktop/askubuntu.desktop
    

    Puoi aggiungerne altri (saltare la parte mkdir) modificando l'URL con qualcos'altro. Per gentile concessione di dv3500ea

  • Modifica delle impostazioni all'interno di gconf-editor.

    Puoi cambiare qualsiasi opzione gconf se sai qual è il percorso di quell'opzione e il valore che vuoi che sia (e il tipo del valore, ovviamente).

    La modifica dello sfondo viene eseguita con il percorso a cui ho puntato le frecce: sudo dpkg -i {file_name}.deb , è un valore stringa e utilizza /desktop/gnome/background/ come opzione. Il valore che detiene attualmente sul mio desktop è picture_filename . Lo sfondo stesso deve essere copiato in /discworld2/Downloads/fantasticwall_2.jpg . Assicurati di impostare le autorizzazioni e il proprietario.

    Esempi:

    • Per cambiare lo sfondo (cambia il nome del file nel 1 ° comando nella tua immagine) in questa immagine e per cambiare il tema in Radiance puoi usare queste informazioni per creare comandi per impostarlo per il tuo live cd:

      gconftool-2 --direct --config-source xml:readwrite:/etc/gconf/gconf.xml.defaults --set -t string /desktop/gnome/background/picture_filename  /discworld2/Downloads/fantasticwall_2.jpg
      
      gconftool-2 --direct --config-source xml:readwrite:/etc/gconf/gconf.xml.defaults --set -t string /desktop/gnome/interface/gtk_theme Radiance
      

      Per gentile concessione di dv3500ea

    • Abilita desktop remoto:

      gconftool-2 --direct --config-source xml:readwrite:/etc/gconf/gconf.xml.defaults --set -t bool /desktop/gnome/remote_access/enabled true
      

      Le impostazioni per icone, pannelli ecc. sono tutte eseguite aggiungendo un comando come questo.

    • In alternativa puoi modificare /usr/share/backgrounds/ (o quando sei in basso salva questo file per usi futuri). Tutte le impostazioni di configurazione effettuate tramite gconftool-2 sono memorizzate in questo file.

  • Cambia il fuso orario predefinito usato dal live cd

    dpkg-reconfigure tzdata
    
  • Cambia le impostazioni internazionali in inglese (ovviamente cambialo in quello che vuoi)

    locale-gen en
    update-locale LANG=en LANGUAGE=en LC_ALL=en
    
  • Configura i file di configurazione.

    Se vuoi avere un file di configurazione personalizzato per un determinato pacchetto, puoi farlo in diversi modi.

    Il modo difficile (ma più logico) sarebbe quello di trovare il pacchetto, cambiare il file di configurazione e riconfezionarlo o trovare i file sorgente, capire dove memorizzano il loro file di configurazione fittizio e cambiarlo e quindi ricostruire il pacchetto .

    • Ovviamente funziona solo se il file di configurazione predefinito è incluso nel pacchetto sorgente. Molti pacchetti generano automaticamente i loro file di configurazione nello script {packagename} .postinst, quindi renderebbe piuttosto difficile ottenere questo risultato.

      Il modo più semplice sarebbe quello di creare uno script e copiare la configurazione attuale in /etc/gconf/gconf.xml.defaults/%gconf-tree.xml in modo che vengano aggiunti al desktop (simile all'aggiunta di scorciatoie di Firefox come spiegato sopra) e dopo aver installato fai clic sul collegamento desktop per impostare il file di configurazione al posto che deve essere. Lo script può eseguire sia la copia sia la rimozione sia del file di script che di quello di configurazione dal desktop dopo averlo installato correttamente.Questo metodo può essere usato per aggiornare la configurazione di Samba (metti la tua configurazione attuale in /etc/skel . Metti uno script lì che ha permessi di esecuzione e contiene uno spostamento di detta configurazione in /etc/skel/ e tutto ciò che devi fare in seguito è eseguire il script).

    • In pratica funziona sempre in quanto sostituisce un'azione manuale post-installazione con uno script attivato manualmente dopo l'installazione. Ma significa anche che non fa parte del cd live personalizzato.

3. Pulizia

apt-get clean
rm -rf /tmp/*
rm -f /etc/hosts /etc/resolv.conf
umount /proc/
umount /sys/
exit

Questo rimuove tutti i file temporanei; non quello che abbiamo creato. /etc/samba/smbd.conf è in sola lettura, quindi un normale ~/livecd/ non rimuoverà questi file. Devi montarlo con accesso in scrittura (o come ho usato il nuovo live cd per avviare e montare la home e rm da lì.

4. Impostazione ISO

  • File manifest.

    chmod +w ~/livecd/cd/casper/filesystem.manifest
    sudo chroot ~/livecd/custom dpkg-query -W --showformat='${Package} ${Version}\n' > ~/livecd/cd/casper/filesystem.manifest
    sudo cp ~/livecd/cd/casper/filesystem.manifest ~/livecd/cd/casper/filesystem.manifest-desktop
    
  • Rigenera il file squashfs.

    sudo mksquashfs ~/livecd/custom ~/livecd/cd/casper/filesystem.squashfs
    
  • Aggiorna somme md5.

    sudo rm ~/livecd/cd/md5sum.txt
    sudo bash -c 'cd ~/livecd/cd && find . -type f -exec md5sum {} +' > md5sum.txt
    

5. Creazione dell'ISO.

cd ~/livecd/cd
sudo mkisofs -r -V "Ubuntu-Live" -b isolinux/isolinux.bin -c isolinux/boot.cat -cache-inodes -J -l -no-emul-boot -boot-load-size 4 -boot-info-table -o ~/Downloads/ubuntu-11.04-desktop-i386.iso .

6. Smonta e amp; Clean

sudo umount ~/livecd/squashfs/
sudo umount /tmp/livecd
sudo rm -fr ~/livecd/

7. Commenti:

  • Tutto è stato testato con un Live CD di Ubuntu 11.04. L'unica cosa che è andata storta è stata il chroot: ho aggiunto dchroot ai file che devi installare per farlo.

  • Riguardo a "dovrebbe creare alcune scorciatoie di Firefox sul desktop", "Dovrebbe cambiare il tema predefinito in radianza" e "Dovrebbe cambiare lo sfondo di ubuntu predefinito". Ho modificato questi in dopo dv3500ea inserendolo nei commenti; Non ho provato questo durante la creazione del live cd 11.04.

risposta data Rinzwind 27.04.2016 - 23:32
23

Creazione di un CD live da un'installazione esistente / nuova

EDIT: questo metodo sembra non funzionare più. Ti suggerisco di provare altri metodi suggeriti in questo QA.

Un buon modo sarebbe realizzare un live CD da un'installazione corrente. Questo può essere fatto usando una macchina virtuale (non installare strumenti VM all'interno del SO guest)

Quindi, per prima cosa abbiamo bisogno di una nuova installazione (se non puoi installarla per davvero, prova ad usare una macchina virtuale) con solo le cose di cui hai bisogno (nel tuo caso thunderbird, samba e ssh). Quindi modifichiamo il sistema e registriamo dove sono le modifiche (ad esempio cambi lo sfondo del desktop, le impostazioni sono in ~ / .gconf o aggiungi le scorciatoie di firefox, si trovano in ~ / Desktop). Questo è necessario per il passaggio 4.

  1. Imposta alcune variabili:

    export WORK=~/temp
    export CD=~/livecd
    export FORMAT=squashfs
    export FS_DIR=casper
    

    Sostituisci ~ / temp con un percorso temporaneo directory in cui lavoreremo. Sostituisci ~ / livecd con un percorso verso il Albero del CD.

  2. Crea la struttura della cartella. % Co_de%

  3. Ora avremo bisogno di installare alcuni pacchetti:

    sudo apt-get install grub2 xorriso squashfs-tools
    
  4. Ora copieremo l'installazione corrente, modificando i flag di esclusione in base alle tue esigenze:

    sudo rsync -av --one-file-system --exclude=/proc/* --exclude=/dev/* \
    --exclude=/sys/* --exclude=/tmp/* --exclude=/home/* --exclude=/lost+found \
    --exclude=/var/tmp/* --exclude=/boot/grub/* --exclude=/root/* \
    --exclude=/var/mail/* --exclude=/var/spool/* --exclude=${WORK}/rootfs \
    --exclude=/etc/fstab --exclude=/etc/mtab --exclude=/etc/hosts \
    --exclude=/etc/timezone --exclude=/etc/shadow* --exclude=/etc/gshadow* \
    --exclude=/etc/X11/xorg.conf* --exclude=/etc/gdm/custom.conf \
    / ${WORK}/rootfs
    

    Se hai una partizione di avvio separata, esegui questa operazione: sudo mkdir -p ${CD}/{${FS_DIR},boot/grub} ${WORK}/rootfs
    Nel tuo caso, vuoi copiare le impostazioni e alcuni file dalla home directory. Innanzitutto, definisci le directory che vogliamo copiare:     CONFIG = '. Config .gconf Desktop someotherfolder andanotherfolder' E ora lo copiamo:

    cd ~ && for i in $CONFIG
    do
    sudo cp -rpv --parents $i ${WORK}/rootfs/etc/skel
    done        
    
  5. Ora eseguiamo il chroot nel nuovo sistema e lo modifichiamo.

    sudo mount  --bind /dev/ ${WORK}/rootfs/dev
    sudo mount -t proc proc ${WORK}/rootfs/proc
    sudo mount -t sysfs sysfs ${WORK}/rootfs/sys
    sudo mount -t devpts devpts ${WORK}/rootfs/dev/pts
    sudo chroot ${WORK}/rootfs /bin/bash
    

    I prossimi comandi sono fatti in chroot:

    LANG=
    apt-get update
    apt-get install casper
    

    Casper contiene script live. Se vuoi anche un programma di installazione, esegui questo:

    apt-get install ubiquity ubiquity-frontend-gtk
    

    O se vuoi KDE:

    apt-get install ubiquity ubiquity-frontend-kde
    
  6. Aggiorna modules.dep e initramfs:

    depmod -a $(uname -r)
    update-initramfs -u -k $(uname -r)
    
  7. Rimuovi utenti non di sistema - non ti preoccupare, abbiamo copiato le impostazioni e i dati nello "scheletro" degli utenti. Ciò significa che tutti i nuovi utenti li avranno.

    for i in 'cat /etc/passwd | awk -F":" '{print }''
    do
        uid='cat /etc/passwd | grep "^${i}:" | awk -F":" '{print }''
        [ "$uid" -gt "999" -a  "$uid" -ne "65534"  ] && userdel --force ${i} 2>/dev/null
    done
    
  8. Pulisci:

    apt-get clean
    find /var/log -regex '.*?[0-9].*?' -exec rm -v {} \;
    find /var/log -type f | while read file
    do
        cat /dev/null | tee $file
    done
    rm /etc/resolv.conf /etc/hostname
    
  9. Esci da chroot. % Co_de%

  10. Ora, copiamo il kernel:

    export kversion='cd ${WORK}/rootfs/boot && ls -1 vmlinuz-* | tail -1 | sed '[email protected]@@''
    sudo cp -vp ${WORK}/rootfs/boot/vmlinuz-${kversion} ${CD}/boot/vmlinuz
    sudo cp -vp ${WORK}/rootfs/boot/initrd.img-${kversion} ${CD}/boot/initrd.img
    sudo cp -vp ${WORK}/rootfs/boot/memtest86+.bin ${CD}/boot
    
  11. Se hai installato il programma di installazione, dovrai farlo, in modo che il programma di installazione non installi cose come casper:

    sudo chroot ${WORK}/rootfs dpkg-query -W --showformat='${Package} ${Version}\n' | sudo tee ${CD}/${FS_DIR}/filesystem.manifest
    sudo cp -v ${CD}/${FS_DIR}/filesystem.manifest{,-desktop}
    REMOVE='ubiquity casper user-setup os-prober libdebian-installer4'
    for i in $REMOVE 
    do
        sudo sed -i "/${i}/d" ${CD}/${FS_DIR}/filesystem.manifest-desktop
    done        
    
  12. Smonta ciò che abbiamo montato:

    sudo umount ${WORK}/rootfs/proc
    sudo umount ${WORK}/rootfs/sys
    sudo umount ${WORK}/rootfs/dev/pts
    sudo umount ${WORK}/rootfs/dev
    
  13. Converti in squashfs:

    sudo mksquashfs ${WORK}/rootfs ${CD}/${FS_DIR}/filesystem.${FORMAT}
    
  14. Crea filesystem.size: % Co_de%

  15. E md5: sudo cp -av /boot/* ${WORK}/rootfs/boot

  16. Ora grub.cfg:

    sudo nano ${CD}/boot/grub/grub.cfg
    

    (sostituisci nano con il tuo editor di testo preferito, non importa) Incolla questo e salva:

    set default="0"
    set timeout=10
    
    menuentry "Ubuntu GUI" {
    linux /boot/vmlinuz boot=casper quiet splash
    initrd /boot/initrd.img
    }
    
    
    menuentry "Ubuntu in safe mode" {
    linux /boot/vmlinuz boot=casper xforcevesa quiet splash
    initrd /boot/initrd.img
    }
    
    
    menuentry "Ubuntu CLI" {
    linux /boot/vmlinuz boot=casper textonly quiet splash
    initrd /boot/initrd.img
    }
    
    
    menuentry "Ubuntu GUI persistent mode" {
    linux /boot/vmlinuz boot=casper boot=casper persistent quiet splash
    initrd /boot/initrd.img
    }
    
    
    menuentry "Ubuntu GUI from RAM" {
    linux /boot/vmlinuz boot=casper nopersistent toram quiet splash
    initrd /boot/initrd.img
    }
    
    menuentry "Check Disk for Defects" {
    linux /boot/vmlinuz boot=casper integrity-check quiet splash
    initrd /boot/initrd.img
    }
    
    
    menuentry "Memory Test" {
    linux16 /boot/memtest86+.bin
    }
    
    
    menuentry "Boot from the first hard disk" {
    set root=(hd0)
    chainloader +1
    }
    
  17. Se lo desideri, puoi aggiungere una voce di menu aggiuntiva, che ti consente di accedere direttamente a Ubiquity.

    menuentry "Install Ubuntu" {
    linux /boot/vmlinuz boot=casper only-ubiquity quiet splash
    initrd /boot/initrd.img
    }
    
  18. Crea il CD / DVD!     % Co_de%

  19. Provalo usando una macchina virtuale!

Tutto il credito va a capink, perché la guida proviene da qui .

    
risposta data nickguletskii 20.06.2011 - 14:49
15

Puoi utilizzare uck o live-magic per personalizzare il tuo Live CD.

uck è disponibile da fonti software ufficiali di Ubuntu, in tutte le versioni di Ubuntu dal 10.04 LTS Lucid Lynx. Puoi installare uck dal Software Center, con apt-get sulla riga di comando o facendo clic qui .

    
risposta data yevhene 04.08.2010 - 10:50
10

Kit di personalizzazione di Ubuntu

È una raccolta di script che semplifica la creazione di un LiveCD personalizzato da un'immagine .iso esistente. È molto simile a Remastersys, con la differenza che viene mantenuto attivamente. Ha una GUI per aiutare con la personalizzazione, ma si può anche usare la riga di comando per fare lo stesso.

  1. Chiede di selezionare i pacchetti di lingue da includere nel CD.
  2. Quindi, chiederà di selezionare il file di immagine .iso, che verrà usato come base per il nuovo CD.
  3. Assegna un nome per la nuova immagine .iso che verrà creata.
  4. Quindi, chiederà i pacchetti che devono essere aggiunti / rimossi al / dal LiveCD. Vi darà un'opzione tra la riga di comando e la GUI predefinita (Ubuntu Software Center). Nota: è necessario selezionare la riga di comando. Dalla riga di comando, è possibile aggiungere / rimuovere pacchetti utilizzando apt-get o utilizzando Ubuntu Software Center (digitare software-center dalla riga di comando). Puoi anche modificare le impostazioni di configurazione per tutti i software / app.
  5. Dopo aver completato (potrebbe richiedere del tempo per scaricare i pacchetti richiesti), continua.
  6. Ora, siediti e rilassati. Dopo un po 'di tempo, il tuo LiveCD personalizzato sarà pronto.
risposta data rigved 11.11.2011 - 16:25
5

Se hai bisogno di più controllo su esattamente quali modifiche vengono apportate, è possibile apportare la modifica manualmente.

Il processo consiste nel decomprimere il SquashFS file di dati contenente il filesystem root del sistema operativo live, chrooting nel filesystem estratto, facendo le tue modifiche, uscendo dal chroot, reimballando il file SquashFS e poi rigenerando l'immagine ISO.

I dettagli completi sono descritti nella pagina LiveCDCustomization del wiki di Ubuntu.

    
risposta data ændrük 10.10.2010 - 06:39
5

In Ubuntu Software Center

  

Modifica & gt; Sorgenti software & gt; Altro software & gt; Aggiungi ..

Incolla la seguente riga nella casella e fai clic su aggiungi sorgente.

  

deb link karmico

Ricarica i sorgenti e installa Remastersys dal Software Center.

Una volta terminato, installa tutti i codec multimediali e le app che desideri sulla tua ubuntu personalizzata. Avvia remastersys da

  

Sistema & gt; Administration & gt; Remastersys

Scegli la modalità dist , fai clic su OK e aspetta che il processo finisca. Al termine, troverai le tue iso personalizzate in

  

/home/remastersys/remastersys/custom.iso

    
risposta data Owais Lone 10.10.2010 - 09:24
3

Remastersys potrebbe essere la risposta alle tue esigenze. Devi andare al link e seguire le istruzioni. Questo programma crea un'iso dal tuo sistema operativo in esecuzione, comprese tutte le impostazioni e le app. Di quanto tu possa masterizzare un CD usando questo iso. Sfortunatamente, in passato c'era un problema per farlo funzionare come un cd live, mentre l'installazione non era un problema (non so se questo è ancora un problema).

    
risposta data dago 13.06.2011 - 21:46
1

Non esiste una "GUI" che io conosca al di fuori di Lucid, tuttavia gNewsense , che è un fork di Ubuntu che fa i loro script per prendere una versione di Ubuntu e rendere una forcella personalizzata liberamente disponibile e piuttosto ben documentata.

È fondamentalmente un processo di:

  1. Posiziona la tua opera d'arte personalizzata dove gli script possono trovarla
  2. Decidere cosa vuoi nel tuo kernel (o cosa non vuoi)
  3. Decidere quali pacchetti vuoi (o cosa non vuoi)
  4. Esecuzione di uno script che esegue il mirroring di un repository apt
  5. Creazione del CD / ISO di distribuzione.

Sebbene non siano esattamente "novizi amichevoli", i loro strumenti sono relativamente facili da usare.

    
risposta data Tim Post 04.08.2010 - 15:27
1

Ho armeggiato con un nuovo servizio basato sul Web chiamato Reconstructor . Secondo il loro sito web,

  

Reconstructor è un kit di strumenti per   creando versioni personalizzate di   Sistema operativo GNU / Linux,   in particolare Debian e Ubuntu.

Secondo un articolo del Journal Linux su Reconstructor , fanno pagare piccole spese per le personalizzazioni. Se vale la pena dipende dalle tue esigenze.

    
risposta data mac9416 04.08.2010 - 15:48
0

Ti consiglierei di provare Reconstructor

"Reconstructor è un creatore di CD GNU / Linux di Ubuntu che ti permette di modificare una distribuzione Ubuntu esistente e di salvarla come la tua distribuzione Linux, usando il disco Desktop (Live), Alternate (Installa) o Server come base, e quindi consente la personalizzazione dell'utente. Puoi praticamente personalizzare l'intero ambiente, come aggiungere / rimuovere software, modificare l'aspetto predefinito (splash, temi, caratteri, sfondo, ecc.), Aggiungere collegamenti desktop, ecc. "

Anche per maggiori informazioni dovresti leggere questi link: link

link

link

    
risposta data LnxSlck 21.03.2012 - 10:43
0

Scarica link seguire le istruzioni e quando chiede di eseguire il gestore pacchetti, un'applicazione console o continuare a fare i bagagli, selezionare Applicazione console.

Ora puoi eseguire

  

Nautilus

     

unity-2d-launcher

     

unity-2d-panel

e fai tutto.

Se non funziona, prova a eseguire il gestore pacchetti, quindi riprova con la console.

Spero che questo aiuti.

    
risposta data nastys 24.06.2012 - 13:04
0

Puoi modificare il file /etc/hosts predefinito (così come alcuni altri file predefiniti) modificando /usr/share/ubiquity/plugininstall.py

Ho pensato che sarebbe stato utile condividere come avevo bisogno di sapere come farlo.

    
risposta data SW_user2953243 07.10.2014 - 20:09
0

Puoi anche utilizzare JLIVECD per personalizzare un'immagine ISO. È uno strumento da riga di comando per personalizzare le distribuzioni basate su Ubuntu e Ubuntu. Ti dà il controllo completo su cose che necessitano di personalizzazione, ma devi sapere che cosa deve essere fatto, cioè prepara solo l'ambiente chroot per te (il resto è a te) e costruisce l'ISO finale. Puoi continuare ad aggiungere nuove modifiche alle modifiche esistenti e continuare a controllare gli ISO creati su di loro.

    
risposta data Jahid 26.10.2015 - 21:16

Leggi altre domande sui tag