Esiste una derivata che utilizza un modello a rilascio progressivo?

19

Ci sono state così tante discussioni su una Ubuntu con RR. Erano così tanti pro e contras. Alla fine non si cambierà ubuntu, il sistema a 6 mesi non cambierà. Va bene!

Ma perché ci sono così tante persone che vorrebbero usare una ubuntu con RR Im chiedendomi perché non c'è un Derivate di Ubuntu con RR. Non ne ho trovato uno, ci sono un sacco di Ubuntu Derivates ma nessun RR. È semplicemente impossibile? Intendo Ubuntu = 6 mesi di ciclo, quindi il derivato deve essere anche un ciclo di 6 mesi? Non c'è altra opzione? O ci sono già alcuni ragazzi intelligenti che cercano di risolvere questo problema? Grazie!

    
posta Mirko 23.01.2012 - 17:43

5 risposte

17

Non esiste una versione rolling ufficiale, tutte le versioni derivate supportate da Ubuntu (Kubuntu, Xubuntu, Lubuntu, Edubuntu, Ubuntu Studio e Mythbuntu) sono basate sul programma di rilascio di Ubuntu, 6 mesi per versione rilasciata e 1 versione LTS ogni 2 anni .

Ci sono molte versioni a rotazione con base Debian unstable, ovvero:

Il più vicino che troverai da una versione rolling supportata dalla base Ubuntu e usando i pacchetti di Ubuntu è +1, eseguilo sempre su alpha o beta.

Non c'è niente di sbagliato nell'assumere che Ubuntu +1 sia qualcosa come una versione a rotazione, tranne per il fatto che esiste un EOL per le versioni e una volta rilasciata una versione devi forzare il sistema a usare di nuovo Ubuntu +1. In realtà non si adatta ai criteri per il nome rolling release.

Non è una versione rolling di per sé, ma è la più vicina che otterrai.

I rilasci (per definizione) vanno contro ciò che Ubuntu combatte ogni 6 mesi, fondamentalmente prima di ogni rilascio, i pacchetti vengono importati da Debian Unstable continuamente e uniti ai repository di Ubuntu con modifiche fatte per Ubuntu. Un mese prima del rilascio, le importazioni vengono congelate e i packager lavorano per garantire che le funzionalità congelate interagiscano bene insieme.

C'è molto lavoro da fare e ti fornisce pacchetti stabili.

Per spostare il tuo sistema alla prossima versione usa il comando sudo update-manager -d , ti permetterà di installare i pacchetti dalla versione futura

Riceverai aggiornamenti costanti per questo fino a quando la versione verrà rilasciata davvero nell'aprile 2012, dopodiché potrai applicare nuovamente il comando e aggiornarlo alla prossima versione futura dopo un paio di giorni.

Si noti che questo non è l'intento di Ubuntu e che (come per lo più qualsiasi versione mobile) i pacchetti potrebbero violare il sistema. Se non si ha familiarità con il ripristino di un sistema danneggiato, non è consigliabile. Detto questo, devo spiegare che, a seconda delle abilità che alcuni utenti di Ubuntu "vivono" su Ubuntu +1 (principalmente cacciatori di bug e sviluppatori, ma esistono).

Alla fine sta a te: il mondo instabile di Ubuntu +1 o la comoda vista stabile di pacchetti stabili aggiornati ogni 6 mesi.

    
risposta data Bruno Pereira 23.01.2012 - 18:24
8

La risposta di Bruno funziona ma da quando è stato creato, c'è stato un nuovo modo di farlo senza problemi.

Dal blog GNOME di Ubuntu (funziona anche per le varianti di tutte di Ubuntu!)

  

Esiste una versione chiamata devel .

     

Se lo metti in /etc/apt/sources.list invece di utopico / vivido ecc., ti verrà data una nuova versione di devel pochi giorni dopo l'apertura.   Non c'è bisogno di aggiornare alla prossima versione / rilascio; basta un dist-upgrade.

     

Oggigiorno, le serie di sviluppo sono un po 'stabili, ci sono molti test automatici, che assicurano che tutto sia installabile e passa i test prima che si propaghi all'archivio principale. C'è uno strano problema che sfugge ai test, ma si risolvono rapidamente e, anche se non lo raccomandiamo per un sistema di produzione completo, le persone che vogliono un po 'il GNOME più recente e più potente e un po' più rozzo, lo starebbero bene.

     

Ecco come modificare /etc/apt/sources.list

  1. Apri /etc/apt/sources.list
  2. Sostituisci il nome in codice del tuo Ubuntu installato (vivido, pigrato, ecc.) con devel
  3. Salva ed esegui sudo apt-get update e sudo apt-get dist-upgrade
  

Una volta avviato il ciclo successivo, non devi fare nulla se non attendere!

    
risposta data Brandon Giesing 25.09.2015 - 02:20
0

Questo è esattamente quello che sto cercando anch'io.

Penso che un'altra soluzione sarebbe utilizzare PPA per i software che usi regolarmente. So che questo non rende Ubuntu una distribuzione RR, ma se un PPA è disponibile per il software che si usa e si preoccupa di essere aggiornato in ogni momento, questo sarebbe qualcosa come Rolling Release per software specifici.

Alcune informazioni sul PPA in generale:

link

link

    
risposta data 183.amir 13.03.2014 - 21:57
0

Ho appena incontrato la distro "Metamorphose Linux". Sta girando e basato su Debian. Anche se non l'ho ancora provato, forse ti piace =)

link

    
risposta data Xoid 22.04.2016 - 09:46
-3

Per ora, potresti provare Bodhi Linux. È una versione a rotazione parziale & amp; è basato su Ubuntu.

    
risposta data LinuxPCplus 10.02.2013 - 17:36

Leggi altre domande sui tag