Come installare Ubuntu su un disco rigido esterno portatile?

24

Sistema operativo: Windows 7. Voglio installare Linux Ubuntu su un disco rigido esterno USB 2.0 portatile. Ho letto una varietà di metodi, ma sono confuso da consigli e metodi contraddittori. In realtà, installare Ubuntu su qualcosa di diverso da PC pulito sembra molto più complicato rispetto all'installazione di Windows. Devo avere Ubuntu package + Python 2.7 + C compiler installato. Il mio disco rigido esterno è parzialmente pieno, ho bisogno di conservare tutti i file.

Ubuntu girerà interamente su hard disk esterno, senza scrivere alcunché alle cartelle di sistema di Windows e al registro?

Qualcuno può pubblicare una guida dettagliata su come installare Ubuntu sul disco rigido esterno?

    
posta triwo 12.04.2014 - 02:32

3 risposte

30

Una risposta molto dettagliata andrebbe oltre lo scopo di una singola domanda, ma ecco il contorno generale. È molto semplice, ma il successo dipenderà in parte dalla capacità del tuo computer di avviarsi da un disco rigido esterno. Questo dipende dal bios.

Prima di iniziare, assicurati che il tuo BIOS abbia un'opzione per l'avvio da USB HD.

Se tutto ciò di cui hai bisogno è l'installazione di base, Python 2.7 e il compilatore C, puoi fare a meno di installare Ubuntu su una partizione abbastanza piccola. Ho dimenticato il minimo indispensabile di Ubuntu da installare, ma è circa 8 GB. Consiglierei almeno 10 GB, più altri 2-4 GB se si desidera un'unità di scambio.

Crea spazio per una partizione

È meglio nel tuo caso creare la nuova partizione prima di eseguire l'installazione. Per prima cosa dovrai ridurre la partizione esistente sul tuo disco rigido esterno.

Suggerirei di eseguire il backup di USB HD; ma se ne avevi una seconda, potresti semplicemente installarla. A seconda di quanto è piena l'unità, potresti non essere in grado di eseguire il backup completamente; ma prova almeno a eseguire il backup di tutti i file importanti. Questo è solo un avvertimento generale e precauzione poiché i tuoi dati dovrebbero essere sicuri.

Hai due opzioni per ridurre la partizione esistente:

  1. Usa il gestore delle partizioni di Windows negli strumenti di amministrazione. Credo che questi siano disponibili in Home Premium. Se la partizione non si restringe di abbastanza, potrebbe essere necessario eliminare i file per fare spazio. Se ne hai più di abbastanza disponibili ma non si riducono ancora abbastanza, usa uno strumento di deframmentazione gratuito come MyDefrag per deframmentare e spostare i file all'inizio della partizione.

  2. Usa gparted dal supporto di installazione live di Ubuntu. Questo è probabilmente il modo più semplice per farlo.

Crea una nuova partizione

Crea il supporto di installazione live di Ubuntu e usalo per avviare il tuo computer. Scegli Prova Ubuntu.

Collegare il disco rigido esterno. Avvia il programma gparted . Se non hai già ridotto la partizione sull'HD esterno, fallo ora.

Nei casi più , l'HD interno verrà visualizzato come sda e l'esterno come sdb , ma questo non è garantito. Assicurati di guardare all'HD corretto in gparted.

Il restringimento della partizione lascerà spazio non allocato. Usalo per creare una nuova partizione. Formattalo su ext4 . Annota il numero della partizione. Questo sarà usato per / .

Non hai bisogno di una partizione di swap, ma se ne vuoi una, riduci la nuova partizione in base alla dimensione desiderata (o ridimensionala in un primo momento). Formatta lo spazio su linux-swap .

Annota i numeri delle nuove partizioni.

Esegui il programma di installazione

Avvia il programma di installazione dall'icona sul desktop o sul launcher. Quando ti viene chiesto come vuoi installare, seleziona: Somethine Else .

Questo avvierà il partizionatore all'interno del programma di installazione. È diverso da gparted e potrebbe sembrare un po 'intimidatorio per un principiante.

Evidenzia con cura la nuova partizione (controlla il numero e guida attentamente) e fai clic su Modifica .

Segui le finestre di dialogo per a. Usa la partizione come ext4 , b. montare su / e c. formato.

Evidenzia la partizione di swap e fai clic su Modifica . Scegli usa linux-swap e questo è tutto per quello.

Molto importante: cambia l'installazione del bootloader su USB HD. Molto probabilmente sarà /dev/sdb . Ciò impedirà di sovrascrivere il record di avvio principale sul disco rigido. (Se lo fai per errore, è facilmente risolvibile).

Verifica le opzioni della partizione, quindi fai clic su Installa ora .

Questo è tutto. Per eseguire Ubuntu, avviare il computer con l'USB collegato. Impostare l'ordine del bios o altrimenti spostare USB HD nella prima posizione di avvio. Il menu di avvio sul usb mostrerà sia Ubuntu (sul disco esterno) e Windows (sul disco interno). Scegli quello che vuoi. Se avvii l'avvio senza USB, eseguirai l'avvio in Windows normalmente.

Ubuntu ha installato Python 2.7 per impostazione predefinita. Per installare il comiler C, apri il terminale, qualsiasi esecuzione:

sudo apt-get install gcc

o

sudo apt-get install build-essential

(se vuoi alcuni programmi aggiuntivi utili per la programmazione in C).

Per eseguire Ubuntu in una macchina virtuale, installa VirtualBox o VMWarePlayer in Windows. Entrambi sono gratuiti. Creare una nuova VM e utilizzare il supporto di installazione per installare sulla VM. Ma questa volta, non preoccuparti delle partizioni. Scegli Installa Ubuntu sull'intero disco virtuale . Ciò non influisce sul resto del disco rigido.

Se vuoi mettere la VM sul hd esterno, assicurati di sovrascrivere il percorso predefinito quando crei la VM e inseriscila in una cartella sul disco esterno.

Anche la creazione del supporto di installazione con persistenza tramite un programma Windows come LiveUSBCreator funzionerà, ma questa opzione sarà molto lenta.

    
risposta data chaskes 12.04.2014 - 03:26
8

Ubuntu può, e lo fa, funzionare bene interamente da un disco rigido esterno. Ho usato Ubuntu in questo modo per anni. Non ha effetto su Windows. Non c'è niente di speciale nell'installazione su unità USB. Si collega l'unità USB, si avvia utilizzando un CD o una pen drive e si sceglie il disco esterno quando si seleziona la posizione di installazione.

Tuttavia:

Avrai la partizione del disco rigido esterno. Presumo che il tuo disco esterno abbia una singola partizione con un filesystem NTFS. La cosa migliore da fare è ridurre questa partizione di circa 20 GB (che è più che sufficiente per Ubuntu) e creare nuove partizioni lì. Non è così difficile come sembra (e dovresti preoccuparti delle partizioni se volessi installare anche un'altra copia di Windows).

Utilizzare lo strumento Gestione disco di Windows per ridurre la partizione o utilizzare GParted dalla modalità Ubuntu Live. Usare il primo è più veloce, ma ti limita a qualunque spazio sia disponibile dopo l'ultimo settore usato nella partizione (che può essere molto basso, anche se hai molto spazio libero). L'utilizzo del secondo può essere molto lento, soprattutto se la partizione è grande, ma consente di estrarre la maggior parte dello spazio disponibile.

In entrambi i casi, dopo aver ottenuto lo spazio libero, utilizzare GParted per creare una partizione estesa lì e all'interno di quella partizione estesa, una partizione ext4. Installa Ubuntu su questa partizione. Scegli il tuo disco rigido esterno come dispositivo per l'installazione di GRUB (bootloader).

Alternativa:

Se hai una pendrive a portata di mano, usa UNetBootin o Universal USB Installer o alcuni di questi strumenti per creare un'unità Ubuntu avviabile con persistenza . Se la persistenza è abilitata, le tue impostazioni e altre modifiche a Ubuntu eseguite in modalità Live non scompaiono al riavvio. È ideale per scenari di utilizzo ridotto. Puoi installare Python o qualsiasi altra cosa e sentirti a tuo agio con Ubuntu, e poi, quando ti senti pronto, installa Ubuntu. Nota che le modifiche apportate nella modalità live non influiscono su qualsiasi installazione effettuata con esso.

    
risposta data muru 12.04.2014 - 03:22
0

Non penso che questo sia pienamente supportato tramite Wubi, ma può essere fatto. Non sono del tutto sicuro di come pensi di usarlo.

In passato, ho scollegato il mio dispositivo Windows, collegato il mio dispositivo esterno e ho appena eseguito l'installazione usando l'unità esterna (e in molti casi, l'unica). Ubuntu installerà correttamente e tratterà quell'unità come "un'unità" - niente di speciale essendo esterno.

Quindi, anziché utilizzare dual-boot e GRUB, posso semplicemente utilizzare le opzioni BIOS / uEFI per selezionare il mio dispositivo di avvio preferito dopo aver ricollegato l'unità Windows.

Ci sono altri modi per farlo, ma ho trovato che questo è il più semplice, con il minimo rischio assoluto per i miei sistemi Windows.

    
risposta data K. Darien Freeheart 12.04.2014 - 02:39

Leggi altre domande sui tag