Come riprodurre musica in streaming sulla rete su più computer?

73

Risultati

Voglio poter camminare da una stanza all'altra e ascoltare la stessa canzone. Come fai se ascolti la radio in tutte le stanze.

Voglio quell'effetto ma voglio ascoltare la mia musica, può essere fatto?

Materiali

  • laptop Ubuntu.
  • Computer Mac.

Prima alternativa

  • Ho trovato e installato il software in base a questa risposta
  • Tutti i software in entrambi i computer e server sono configurati come dovrei continuare? link
posta Alvar 13.04.2017 - 14:24

7 risposte

45

Sì, con pulseaudio questo può essere fatto facilmente. Dovrai installare ed eseguire paprefs che rende i tuoi dispositivi audio disponibili sulla rete.

Queste impostazioni consentono di pubblicare sia le sorgenti audio che i sink sulla rete, idealmente su un altro server pulseaudio.

Nel caso in cui tu abbia la configurazione del tuo server senza desktop manager dovrai prima installare un sistema audio (vedi questa domanda ). Puoi quindi modificare /etc/pulse/default.pa decommentando queste righe nella sezione Accesso di rete :

load-module module-esound-protocol-tcp
load-module module-native-protocol-tcp
load-module module-zeroconf-publish

Se si desidera utilizzare il commento del mittente RTP in queste righe la sezione modulo del mittente RTP :

load-module module-null-sink sink_name=rtp format=s16be channels=2 rate=44100 description="RTP Multicast Sink"
load-module module-rtp-send source=rtp.monitor

Il server pulseaudio deve essere avviato come un demone con pulseaudio -D nel caso in cui non sia ancora in esecuzione. Per ottimizzare le impostazioni di qualità del suono in /etc/pulse/daemon.conf può essere adattato alle esigenze personali.

Un metodo alternativo per lo streaming audio nella tua rete sarebbe quello di configurare un Icecast Server (vedi questa domanda ).

    
risposta data Takkat 25.02.2011 - 16:24
11

La tua opzione migliore si chiama Music Player Daemon (mpd).

link

È un'applicazione server client. Memorizzi la tua musica sul server, quindi ti connetti con i tuoi clienti (molte persone possono farlo in una sola volta) e controlla il server.

È già in Ubuntu, solo apt-get install mpd

E anche qualche buona documentazione: link

MPD può riprodurre musica in streaming, quindi puoi avere molti clienti (o altoparlanti se vuoi chiamarli) per riprodurre la musica.

Ma non aspettarti una buona qualità. Lo streaming di spoiler suona male (non importa se usi mpd o pulseaudio). È un'idea molto migliore collegare i veri altoparlanti al server e utilizzare i laptop solo per controllarlo.

    
risposta data loxs 25.02.2011 - 21:41
11

Non ho dovuto fare nulla fuori dall'ordinario. Ho due netbook gemelli entrambi con PulseAudio e abbastanza nessun nome hardware da Intel. Come l'ho impostato è andato un po 'in questo modo.

esegui paprefs sia sul tuo server che sul client. Sul server, assicurati di aver attivato le impostazioni multicast e controllato i bit del server. così

e il bit multicast

Sul client, abilita il bit sulla ricerca di dispositivi abilitati alla rete e impostare il dispositivo di output sul dispositivo di rete virtuale tramite pavucontrol

viola dovresti avere un po 'di magia ora

    
risposta data lazyPower 18.09.2011 - 09:28
1

Con questa soluzione puoi trasmettere il tuo sistema audio dove vuoi ..
la chiave qui è le funzionalità di loopback ALSA. per prima cosa è necessario abilitare il dispositivo di loopback in ALSA, che apparirà nel Controllo volume PulseAudio come dispositivo di input (e anche come dispositivo di output).

sudo modprobe snd_aloop

questo dispositivo può quindi essere aggiunto a un server mpd:

mpc add alsa://hw:1,1

dove hw: 1,1 è il dispositivo di input di loopback può essere elencato con il comando aplay -l

quindi devi configurare un collegamento per l'mpd. il seguente esempio sarà simile a /etc/mpd.conf

 audio_output {
    type            "httpd"
    name            "My HTTP Stream"
    encoder         "vorbis"          # optional, vorbis or lame
    port            "8000"
    bind_to_address "192.168.1.38"               # optional, IPv4 or IPv6
    quality         "5.0"                   # do not define if bitrate is d$
#   bitrate         "128"                   # do not define if quality is d$
    format          "44100:16:1"
    max_clients     "0"                     # optional 0=no limit
 }  

è così. Selezionare il dispositivo di lobo per la sorgente audio nella scheda Riproduzione controllo volume.
Infine, puoi utilizzare VLC o qualsiasi altro riproduttore di stream nel punto di destinazione utilizzando l'indirizzo URL httpd: http://192.168.1.38:8000
Questa risposta è anche disponibile qui

    
risposta data laplasz 13.04.2017 - 14:37
0

Non sono sicuro che qualcosa del genere possa essere ottenuto con DLNA / UPnP poiché non ho familiarità con me stesso, ma lanciando alcuni link qui nel caso in cui aiuti:

Sebbene un risultato di ricerca rapida suggerisca che non è possibile sincronizzare ...

    
risposta data Ilari Kajaste 10.06.2011 - 13:19
0

Non esiste una buona soluzione (ancora). C'è AVB ma il suo supporto per 802.11 è limitato alla sincronizzazione dell'ora.

    
risposta data themihai 06.09.2016 - 23:01
-2

Se desideri trasmettere in streaming a un telefono Android, puoi utilizzare Foobar2000 sul server e BubbleUPnP (payware) sul client.

  1. ottieni Wine
  2. ottieni foobar_v1.2.5.exe
  3. $ wine foobar2000_v1.2.5.exe
  4. prossimo, successivo, successivo ...:)
  5. ottieni foo_upnp
  6. estrai nella cartella componenti di foobar2000 (che probabilmente è in ~/.wine/drive_c/Program Files/ )
  7. avvia foobar2000
  8. vai su Libreria → Configura → Riproduzione → Output → Dispositivo e seleziona "Uscita nullo"
  9. assicurati che ufw non stia bloccando il traffico pertinente
  10. in BubbleUPnP:
    1. vai su Dispositivi → Librerie e seleziona il server foobar2000
    2. in "Libreria", seleziona "Playback Stream Capture"

L'approccio ha il vantaggio che se ti fermi su Android, accumulerà un buffer (poiché il server sta ancora inviando).

Testato su Ubuntu (versione di Wine 1.5.28-0ubuntu1~ppa1 ) e Windows.

    
risposta data Janus Troelsen 03.05.2013 - 21:53

Leggi altre domande sui tag