Dual Boot Mac El Captain insieme a Ubuntu 14.04

17

A causa di molte cose vecchie nell'archivio, sono un po 'confuso. Come installo Ubuntu 14.04 sul mio IMac con MacOS El Captain. È necessario usare Refit? Che dire dell'installazione diretta da un'unità Ubuntu Live USB?

    
posta carkaci 22.10.2015 - 22:50

1 risposta

30

rEFIt è stato abbandonato dal 2010. Ho creato un fork di esso, chiamato RESEF, che sto mantenendo attivamente. Non è strettamente necessario utilizzare uno dei due programmi, ma uno o l'altro (e soprattutto REST) ​​può essere utile.

Il principale "gotcha" con OS X 10.11 ("El Capitan"), rispetto alle versioni precedenti di OS X, è la nuova funzionalità System Integrity Protection (SIP), alias "rootless". Si tratta di una funzionalità di sicurezza che dovrebbe rendere più difficile per gli utenti inesperti provocare l'autodistruzione dei loro sistemi o il controllo del computer da parte del malware. Ciò ha l'indesiderato effetto collaterale di rendere più difficile l'installazione e l'uso di alcuni tipi di software di basso livello, compresi i boot manager di terze parti come rEFIt e REFInd. In breve, è necessario disabilitare SIP. Questo è descritto in alcune pagine, come questo e questo. Dopo l'installazione RITIRO, puoi riattivare SIP.

Ci sono circa miliardi di siti che descrivono come installare Ubuntu su un Mac. Prova a trovarne uno relativamente recente. Inoltre, tieni presente che è possibile installare Ubuntu in modalità BIOS / CSM / legacy o in modalità EFI. Quest'ultima è quasi sempre preferibile, ma molte guide (specialmente quelle più vecchie) descrivono la prima, spesso senza descrivere adeguatamente la differenza. Vedi questa mia pagina per informazioni di base su cosa sia il modulo di supporto della compatibilità (CSM) ) è e perché è problematico. (Quella pagina è più orientata ai PC basati su UEFI che ai Mac, ma è ancora abbastanza applicabile.)

A grandi linee, ti consiglio:

  1. Avvia il programma di installazione di Ubuntu in "prova senza installare la modalità".
  2. Apri una finestra del programma Terminale.
  3. Nel Terminale, digita ubiquity -b . Questo eseguirà il programma di installazione di Ubuntu, ma -b dice a non di installare un boot loader. Se segui le opzioni di installazione avanzate, assicurati di utilizzare ext4fs come file system. Non utilizzare una partizione /boot separata a meno che non si utilizzi LVM, RAID o una partizione radice crittografata ( / ). Potrebbe essere necessario ridurre la partizione di OS X per lasciare spazio a Ubuntu (oppure puoi farlo prima di iniziare).
  4. Quando hai finito, riavvia, ma tieni premuto Command + R per avviare l'ambiente di ripristino di OS X.
  5. Avvia una finestra di Terminale e digita csrutil disable per disabilitare SIP.
  6. Reboot. Il sistema dovrebbe avviare normalmente OS X.
  7. Installa RESET

A questo punto, al riavvio, dovrebbe apparire rEFInd e dare le opzioni per avviare OS X o Ubuntu. È probabile che entrambe funzioneranno; ma se hai usato una partizione /boot separata, per avviare Ubuntu devi premere F2 o Inserisci due volte anziché Invio. Nella schermata risultante, devi aggiungere ro root={whatever} per dire al kernel dove è il tuo filesystem root ( / ); {whatever} è una descrizione di quella posizione, come in /dev/sda7 o /dev/mapper/ubuntu-root . Dopo l'avvio, l'esecuzione dello script mkrlconf.sh fornito con rEFInd dovrebbe ovviare alla necessità di aggiungere l'opzione root= .

    
risposta data Rod Smith 23.10.2015 - 03:23

Leggi altre domande sui tag