Esiste una documentazione dettagliata dell'API sul binding python per l'appindicator?

18

Mi sto facendo serous con un mio progetto e ho bisogno di una buona documentazione sul modulo appindicator per python. Quello che ho trovato finora:

  1. documentazione API su dev.ubuntu.com
  2. voce wiki della community
  3. documentazione API sul codice C
  4. Bel post del blog

cosa c'è di sbagliato con loro:

  1. Solo una lista senza spiegazioni sugli argomenti, sui ritorni e su ciò che i metodi fanno
  2. Solo considerazioni di progettazione e sfondi: poco utile per la programmazione effettiva
  3. I contenuti mancanti del modulo python sono (ad es. create_menu_from_desktop)
  4. Molte informazioni utili compresse ma non complete

Quindi in pratica ho bisogno di qualcosa di dettagliato come 3. ma per il modulo python.

Esempio sul mio problema:

  

void build_menu_from_desktop (desktop_file, desktop_profile)

Quali sono le argomentazioni che dovrebbero essere e che cosa fa il metodo? La mia ipotesi è, il metodo crea voci di menu da un file '* .desktop'. Ma se è così, perché ha bisogno di più argomenti che solo quel file? Quali voci nel file ci vogliono per le voci del menu? Sono domande come queste che sto avendo un po 'di difficoltà a trovare una risposta.

    
posta con-f-use 03.06.2011 - 17:11

1 risposta

7

Sì, ci rendiamo conto che abbiamo bisogno della documentazione di Python con il livello di dettaglio appropriato. Questo è l'obiettivo del progetto Giraffe . Funzionerà con i binding di GObject Introspection che è il modo in cui le nuove applicazioni Python dovrebbero essere scritte per utilizzare gli indicatori dell'applicazione.

Fino ad allora, la soluzione migliore è la documentazione API che hai notato. Dovrebbe essere più o meno lo stesso anche se "python-ified".

Il build_menu_from_desktop è una comoda funzione usa carica le voci che sarebbero altrimenti in qualcosa come una lista rapida in Unity . Quindi per ottenere quelle voci useresti build_menu_from_desktop("/my/path/myfile.desktop", "Unity") per specificare TargetEnvironment.

Ciò ti consente di avere voci diverse nel file desktop e alcune sovrapposizioni e altre no.

    
risposta data Ted Gould 03.06.2011 - 17:32