Può e dovrebbe UDF essere usato come un formato di disco rigido?

27

Da qualche tempo ho visto UDF come soluzione per un formato multipiattaforma per un'unità utilizzata su Linux, Mac OS X e Windows XP e versioni successive.

Ho cercato qui e non ho trovato lo stesso suggerimento (la maggior parte sta suggerendo ntfs-3g che sembra costare soldi e non è preinstallato su un Mac).

Quindi la mia domanda è: come è fatto questo, e qualcuno ha fatto questo? Hai quindi riempito l'unità e cancellato alcuni file per trovare spazio che tutto funzioni come un vero formato r / w anche se sembra che sia stato principalmente un formato di scrittura una sola volta?

Chiamami pazzo, ma mi piacerebbe davvero che il sistema UDF potesse anche montarsi automaticamente e essere scrivibile dall'utente che ha effettuato l'accesso. Quello che ho provato finora (la formattazione di udftools come menzionato da kicsyromy) non risponde a questo desiderio.

    
posta dlamblin 24.02.2011 - 19:58

3 risposte

13

No.

Siamo nel 2015 al momento di questa risposta. Sto usando OSX Yosemite, Ubuntu 14.10 e l'anteprima tecnica di Windows 10 per le aziende su una macchina Mactel (Macmini 7,1).

Ho provato sia UDF che exFat. Io uso Ubuntu per lo sviluppo e ho bisogno di permessi in stile Unix.

Tutte le precedenti guide non si applicano più: i driver UDF si sono evoluti e tutti i sistemi operativi accetteranno una partizione UDF, con più problemi e instabilità di quelli che posso nominare.

  • Unità UDF formattata su Mac OS: non può essere montata su Windows 10.
  • Unità UDF formattata su Linux: non può essere montata su Windows 10.
  • Unità UDF formattata su Windows 10: monta lettura / scrittura su Linux, sola lettura su OSX.

Tuttavia, Windows non consente di specificare una dimensione di blocco durante la formattazione di un volume UDF e, di conseguenza, la dimensione del blocco logico potrebbe essere diversa dalla dimensione del blocco fisico per la partizione.

Non sono chiaro se questo abbia a che fare con le difficoltà che ho riscontrato leggendo / scrivendo su OSX, ma dopo aver cancellato un certo numero di file usando Linux, non sono mai stato in grado di montare nuovamente l'unità su OSX.

Il sistema entra nel kernel panic e si blocca in modo disgraziato.

Questo e una serie di risposte sull'argomento indicano a questo punto un supporto incoerente per questo formato.

Sembrerebbe che ci siano modi in cui posso usare un volume NTFS per ottenere un equilibrio tra le caratteristiche di un moderno file system, i permessi in stile Unix - potrei essere in grado di impostarli - e leggere / write mount su tutti i sistemi operativi.

    
risposta data Mauro Colella 02.02.2015 - 01:20
13

Qualcuno ha fatto qualche ricerca su come formattare un'unità flash con udf in modo che possa essere utilizzato su tutti i sistemi operativi possibili. Ecco i suoi risultati (utilizzati per essere lì , ora offline):

  • Windows 7 ha pieno supporto fino a UDF v2.6, ma la dimensione del blocco UDF deve corrispondere alla dimensione del blocco del dispositivo sottostante (che per le chiavi USB e la maggior parte dei dischi è 512 byte; i dischi di "formato avanzato" sono 4096 byte). Apparentemente il disco deve essere partizionato.

  • Linux 2.6.30 e up supporta UDF completamente almeno fino alla versione 2.5.

  • Mac OS X 10.5 supporta UDF completamente fino a UDF 2.01, ma solo se usato su un disco completo, quindi non partizionato.

Come spiegato sopra, per i dischi rigidi USB, Windows richiede il partizionamento del disco. Dall'altro lato, UDF funziona solo su OS X quando viene utilizzato su un intero disco (non partizionato). Piuttosto sorprendentemente, esiste una soluzione che funziona per entrambi: avere il disco partizionato e non partizionato allo stesso tempo.

Le tabelle delle partizioni DOS sono archiviate nei byte 446-510 del record di avvio principale. Questo record di avvio principale è memorizzato nel primo settore su disco, settore 0. In genere, la prima partizione specificata inizierà altri kilobyte. Tuttavia, sembra possibile costruire una tabella delle partizioni la cui prima partizione inizi nel settore 0, quindi il risultato è una partizione che contiene la tabella delle partizioni stessa. I programmi di editor di partizioni sembrano rifiutarsi di creare un tavolo simile, ma almeno i recenti kernel Linux e Windows non sembrano preoccuparsi.

La cosa bella è che UDF non usa (suppongo volutamente) i primi kilobyte della partizione o del disco su cui è posizionato, quindi questo posto può davvero essere usato per memorizzare una tabella delle partizioni legacy, facendo riferimento a una partizione che si estende su tutto il disco. Alcuni test dimostrano che funziona davvero su Linux, Windows e Mac OS X:

  • Supporta automaticamente la lettura e scrittura in Linux 2.6.30+, Mac OS X 10.5+, Windows Vista +
  • Può essere utilizzato in sola lettura in Windows XP e può essere utilizzato dopo un mount da riga di comando in Linux 2.6.0+
    • Supporta file di grandi dimensioni, autorizzazioni UNIX, nomi di file Unicode, collegamenti simbolici, collegamenti fisici, ecc.

Ecco lo script per formattare correttamente il disco in link

    
risposta data Dan Benamy 13.05.2013 - 16:15
11

EDIT: l'ho appena testato in una VM. Sembra che sia necessario (ri) creare la propria partizione in Windows assegnargli una lettera di unità ma non formattarla su alcun filesystem. Dopo l'avvio in Ubuntu, basta seguire le istruzioni e dovrebbe funzionare per leggere / scrivere.

Ricordati di eseguire il backup di tutti i tuoi dati!

Innanzitutto installa gli strumenti UDF:

sudo apt-get install udftools

Sostituisci il primo blocco con nulla sulla partizione che desideri formattare su UDF (*):

sudo dd if=/dev/zero of=/dev/sdxN bs=512 count=1

Infine, formatta su UDF (*):

sudo mkudffs --media-type=hd --blocksize=512 /dev/sdxN
  • x è un segnaposto per la lettera assegnata in modo curativo al tuo hardisk

  • N è un segnaposto per il numero di partizione

Buona fortuna e fammi sapere se ha funzionato per te. Saluti, Calota Romeo

    
risposta data kicsyromy 24.02.2011 - 21:31

Leggi altre domande sui tag