Come posso eseguire il doppio avvio di Windows 10 e Ubuntu su un notebook UEFI HP?

98

Ho un notebook HP Pavilion Touchsmart fornito con Windows 8. Ho aggiornato a 8.1, e ora voglio avviare dual-boot una distribuzione Ubuntu con Windows 10. Quando si esegue il dual-boot con Windows 8.1, Windows Boot Manager ha sempre avuto la priorità, anche dopo aver installato GRUB. Cosa devo fare per fare in modo che GRUB diventi il ​​bootloader predefinito invece di Windows Boot Manager?

    
posta Michael Hoffmann 28.08.2015 - 01:43

5 risposte

189

Questo è il post più lungo che abbia mai fatto su un sito StackExchange, ma questo processo richiede molte spiegazioni e attenzione ai dettagli. È anche un po 'specifico per l'hardware in questione, che richiede ulteriori spiegazioni.

Dopo un sacco di mal di testa, due riformattazioni involontarie del disco rigido e un sacco di frustrazione con l'implementazione del firmware di HP, ho finalmente fatto funzionare Xubuntu e Windows 10 parallelamente. Ho fatto questo con Windows 10, ma dovrebbe funzionare anche con Windows 8.1. Entrambi questi sistemi operativi più recenti utilizzano il nuovo (ish) sistema di firmware UEFI, invece del tradizionale sistema BIOS, che è quello in cui sembrano sorgere la maggior parte delle confusioni con il dual-boot. Ho letto molte cose da molti posti con le istruzioni per il dual-boot con un sistema BIOS, che parlano di UEFI come se fosse solo un diverso tipo di BIOS, o un livello opzionale tra BIOS e un SO. UEFI e BIOS non sono la stessa cosa; un UEFI non è un BIOS e un BIOS non è un UEFI. Sono completamente diversi. Ci sono alcune cose che devono essere fatte diversamente quando si esegue il dual-boot con un sistema UEFI.

In primo luogo, non utilizzare EasyBCD . Ho visto molti tutorial obsoleti che consigliano EasyBCD, ma è progettato per funzionare con il firmware BIOS tradizionale utilizzato da Windows 7 e Windows Vista, e non funziona bene con i nuovi UEFI firmware (Windows 8, 8.1 o 10). Se hai già giocato con EasyBCD, non preoccuparti, la cosa peggiore che probabilmente è stata creare un disastro nelle tue voci di avvio EFI scrivendo le cose nell'MBR. Lo ripuliremo al punto 4. Parlando di MBR, evitalo come la peste. Il Master Boot Record è ciò che viene utilizzato nel firmware del BIOS tradizionale come elenco di bootloader memorizzati nella partizione di avvio (o, se scritto da Windows, in qualsiasi partizione è prima) del disco rigido. Ha lo scopo di elencare i sistemi operativi sul disco rigido e dire al firmware quale si avvia per primo. Questo non funziona bene con il firmware UEFI di HP. Sembra che in caso di modifica del MBR, il firmware UEFI di HP si confonda e ritorni al Boot Manager di Windows, che ignorerà completamente GRUB.

Cosa ti servirà:

  • Un USB live o un CD di installazione con la tua distribuzione Ubuntu preferita.
  • Supporti di installazione per il tuo sistema operativo Windows. Se esegui l'aggiornamento da Windows 8.1, puoi farlo senza scaricare l'intero .iso di Windows 3+ per Windows 10 - c'è un programma di installazione che lo scarica durante l'installazione- ma, per questo metodo, hai bisogno di .iso estratto su un CD o un'unità USB. È anche una buona idea averlo a portata di mano per il futuro, quindi potresti anche crearlo ora. Poiché questa domanda riguarda il dual-boot con un sistema UEFI, avrai bisogno di del sistema operativo a 64 bit.
    • Assicurati di avere il codice prodotto, altrimenti non potrai eseguire l'upgrade / l'installazione.
  • Facoltativo, ma altamente consigliato : un'unità abbastanza grande da eseguire il backup dei file Windows correnti.
  • Abbastanza spazio sul disco fisso per entrambi i sistemi operativi, una partizione di avvio (solo 200 MB) e una partizione linux-swap (di solito della stessa dimensione della RAM fisica).

Passaggio 1: crea un backup

Eseguire il backup di tutti i file e le cartelle di Windows che non si desidera perdere. Finché hai abbastanza spazio libero su disco rigido per la tua nuova partizione Ubuntu, questo processo non dovrebbe interferire con i file di Windows. Se è una parola rischiosa, però.

Windows 8.1 ha uno strumento "crea un disco di ripristino", ma l'ho trovato inutile e non funzionale quando si trattava di ripristinare il backup che avevo creato. Il modo più semplice per conservare i file che non vuoi perdere è aprire semplicemente Windows Explorer e copiarli su un disco di backup. Ci vuole per sempre, ma ne vale la pena.

Passaggio 2: Disattiva l'avvio rapido e spegni il tuo computer

Per eseguire questa operazione devi eseguire l'accesso come amministratore.

È molto importante disabilitare Fast Startup prima di installare GRUB, perché se il programma di installazione di Ubuntu può rilevare la presenza di Windows dipende da come Windows si rappresenta nella partizione di avvio. Con Fast Startup correttamente disabilitato, dovrebbe essere rilevato. Il rilevamento verrà trattato nel passaggio 4.

Windows 8, 8.1 e 10 utilizzano questa nuova fantastica novità chiamata Fast Startup, che indica al firmware di caricare uno speciale bootloader che ripristina il sistema allo stato di pre-spegnimento molto rapidamente. Molto carino, eh? Bene, perché cambia l'opzione di avvio successivo del sistema EFI, questa funzione dovrà essere disabilitata mentre si installa GRUB.Questo può essere fatto facendo quanto segue:

  1. Apri Pannello di controllo (Windows + X- & gt; Pannello di controllo dal desktop in Windows 8 +)
  2. Passa a Opzioni risparmio energia
  3. Fai clic su "Scegli cosa fa il pulsante di accensione"
  4. Fai clic su "Modifica impostazioni attualmente non disponibili"
  5. Assicurati che la casella "Attiva avvio rapido (consigliato)" in basso sia non selezionata.

È possibile trovare istruzioni più dettagliate qui . È possibile riattivare Fast Startup dopo aver installato GRUB e sembra non causare problemi con l'avvio di Ubuntu / GRUB. Assicurati che sia disabilitato durante l'installazione.

Dopo aver disattivato l'avvio rapido, spegni il computer. Poiché Fast Startup è disabilitato, Windows eseguirà un arresto completo e non modificherà l'opzione di avvio successivo nel gestore EFI del firmware. (Termini di Layman: Windows non dirà al tuo sistema HP di avviare il suo file di avvio rapido quando verrà acceso, quindi userà l'elenco di boot manager EFI, come dovrebbe. GRUB si posizionerà prima su questo elenco.)

Passaggio 3: imposta le partizioni con gparted

Prima di installare Ubuntu, ti consigliamo di usare il tuo live CD / USB per creare una partizione separata per esso. In questo modo, * non sovrascriverà Windows.

* Assicurati di avere un backup. Nessuna garanzia: dipende da cosa ha deciso di fare Windows nella partizione di avvio, e può dipendere anche da quale versione / distribuzione di Ubuntu si sta usando, non li ho usati tutti.

Per creare le partizioni, devi avviare il tuo live CD / USB e aprire gparted. Ci sono un sacco di tutorial sull'uso di gparted, ed è abbastanza facile da capire, quindi lascerò le specifiche a te e a Internet.

  • Avrai bisogno di 4 partizioni:

    1. Una partizione di avvio. Se hai già installato Windows, non dovresti fare nulla: dovrebbe essere già una delle prime partizioni del tuo disco. A volte Windows crea anche un'altra piccola partizione all'inizio del disco chiamata Ripristino . Lascialo solo.

      • Se stai facendo una nuova installazione e vuoi iniziare tutto da capo ( questo cancellerà tutti i tuoi dati ), vai avanti ed elimina tutte le partizioni sul tuo disco, e quindi creare questa partizione. Dovrebbe essere la prima partizione ; il suo formato dovrebbe essere FAT32 ; e dovrebbe avere dimensioni di almeno 200 MB . Se gparted ha un'opzione per etichettarlo, basta chiamarlo boot . Se non c'è l'opzione etichetta, non preoccuparti. devi , tuttavia, imposta i flag "boot" e "esp" su questa partizione; senza di essi, il programma di installazione di Ubuntu lo ignorerà e userà un'installazione in modalità legacy, e Windows (10) rifiuterà di installarsi del tutto con l'errore "non siamo riusciti a creare una nuova partizione o a localizzarne una esistente". O no. Sembra dipendere da come Windows si sente quel giorno ...
    2. Una partizione Windows. Di nuovo, se hai già installato Windows, questa partizione dovrebbe ovviamente essere qui, dopo le partizioni di avvio e di ripristino. Questo è dove lo vuoi, ma devi ridimensionarlo per lasciare spazio alla tua partizione Ubuntu e alla partizione linux-swap. Usa l'opzione di ridimensionamento / spostamento di gparted per farlo. Ubuntu ha bisogno di almeno 5 GB, e la partizione linux-swap dovrebbe avere almeno la metà della dimensione della RAM fisica, quindi ridimensiona la partizione di Windows in modo da avere abbastanza spazio per quello. gparted ti avviserà della potenziale perdita di dati, riducendo la tua partizione non dovrebbe distruggere o corrompere i dati, a patto di non ridurli nello spazio in uso.

      • Se installi entrambi i sistemi operativi da zero ( di nuovo, questo cancellerà tutti i tuoi dati ), Microsoft dice avrete bisogno di almeno 20 GB per il sistema operativo a 64 bit, quindi questa partizione deve essere almeno 20 GB . Probabilmente vorrai qualcosa di più, però: ho usato solo metà spazio dopo la partizione di avvio per Windows e metà di esso per Ubuntu e linux-swap. Se stai partendo da zero, questa partizione deve essere formattata come FAT32 . Quando installi Windows, lo formatterà su NTFS. Non farlo con gparted; L'implementazione di Windows NTFS è diversa dall'implementazione di gparted e Windows potrebbe non essere in grado di riconoscere la partizione. Nel programma di installazione di Windows 10, dovresti avere la possibilità di selezionare la partizione su cui posizionare Windows 10. Se è formattato come FAT32, Windows dovrebbe essere in grado di vederlo e installarsi lì. Se puoi etichettare questa partizione, etichettala Windows . Ciò ti renderà più facile durante l'installazione di Windows. A proposito del programma di installazione di Windows, non iniziare ancora così. Se stai facendo nuove installazioni sia su Ubuntu che su Windows contemporaneamente, invece di eseguire l'aggiornamento da 8 o 8.Da 1 a 10, è molto più facile per installare Ubuntu prima .
    3. Una partizione Linux. Come la partizione Windows, questa può variare in dimensioni, ma sito web di Ubuntu consiglia almeno 5 GB . Di nuovo, probabilmente vorrai molto di più. Se esegui l'aggiornamento invece di eseguire una nuova installazione di entrambi i sistemi operativi, dovresti riuscire a creare questa partizione nel nuovo spazio "non allocato" mostrato in gparted. Rendi grande quanto ti piace, ma ricorda di lasciare spazio per una partizione linux-swap se prevedi di usarne uno. Dovrebbe essere formattato come ext4. anche ext2 o ext3 dovrebbero funzionare, se preferisci quelli per qualche motivo.
      • Se stai installando da zero, crea la tua partizione Ubuntu come descritto sopra. Assicurati che sia formattato come ext4, ext3 o ext2 . Ciò consentirà a Ubuntu di usarlo, ma impedirà al programma di installazione di Windows 10 di riconoscerlo, il che dovrebbe far sì che venga impostato automaticamente sulla partizione FAT32 creata nel passaggio 3, che può leggere.
    4. Facoltativo, ma consigliato: una partizione linux-swap . Almeno metà della dimensione della RAM fisica è un buon inizio, ma ti consiglio di leggere i dettagli . Ho 8 GB di RAM e un disco rigido da 1TB, quindi ho creato questa partizione delle stesse dimensioni della RAM fisica.

Passaggio 4: Installa prima Ubuntu

Sia che stiate aggiornando a Windows 10 da un sistema operativo Windows esistente, sia installando sia Windows 10 sia una distribuzione Ubuntu su un disco rigido nuovo o appena ripartizionato, è molto più facile installare Ubuntu prima. Ubuntu usa GRUB 2 come suo bootloader, che fa cose come dovrebbe fare un bootloader EFI. Windows 10 utilizza Windows Boot Manager, che fa le cose ... beh, il modo in cui Windows le fa ... Se prima installi Windows, probabilmente non sarai in grado di avviare Ubuntu senza tenere premuto un tasto speciale durante la procedura di avvio per impedire il caricamento del Boot Manager di Windows, perché Windows Boot Manager non rispetta GRUB quando viene aggiunto al proprio elenco di bootloader. Quindi, prima installa Ubuntu e GRUB, quindi aggiungi una voce a GRUB per Windows Boot Manager.

Passaggio 4.1: pulizia delle voci EFI precedenti (facoltativo)

Fai attenzione qui. Eliminare la cosa sbagliata può causare enormi problemi.

Prima di installare Ubuntu, vogliamo essere sicuri che i fantasmi delle installazioni del sistema operativo passato non torneranno a perseguitarci in futuro. In un sistema UEFI, i sistemi operativi utilizzano file EFI (interfaccia firmware estendibile) per comunicare al firmware: "Ehi, io esisto, è qui che puoi trovarmi". Quando viene installato un nuovo sistema operativo, aggiunge una voce all'elenco di EFI Boot Manager, che fornisce un numero di voce univoco, e indica a EFI Boot Manager dove si trova / sono i file EFI (Windows registra diversi file EFI- uno per l'avvio regolare, uno per l'avvio di ripristino, uno per l'avvio rapido, probabilmente più a seconda del firmware e della versione del sistema operativo). EFI Boot Manager tiene anche traccia dell'ordine di avvio: un elenco di numeri di voci che specificano cosa viene avviato prima. Se hai utilizzato EasyBCD; bcdedit; Strumenti di ripristino o ripristino dell'avvio di Windows; riparazione di avvio in un sistema operativo Linux; o anche se hai aggiornato Windows o reinstallato, c'è una buona probabilità che la tua lista di voci EFI ora abbia alcuni duplicati. Almeno, questo era il mio caso. Avere i duplicati qui può impantanarsi durante il processo di avvio, poiché il firmware passa attraverso le voci non aggiornate o errate finché non trova un bootloader che funzioni. Può anche causare un ciclo di avvio, in cui il bootloader A punta il firmware al bootloader B, che lo rimanda ad A, e quindi le cose iniziano a richiedere molto, molto tempo ...

Ad ogni modo, per visualizzare il tuo elenco di voci EFI e vedere cosa è necessario pulire, usa il pacchetto efibootmgr con il tuo live CD / USB. Dovrai installarlo utilizzando sudo apt-get install efibootmgr in un terminale, quindi eseguirlo utilizzando sudo efibootmgr . Per impostazione predefinita, otterrai un elenco di voci che assomigliano a questo:

Quando ho usato questo strumento per la prima volta dopo aver giocato con EasyBCD e bcdedit cercando di far avviare le cose nell'ordine giusto, avevo più di un centinaio di voci, la maggior parte dei quali duplicate.

Se il tuo elenco di Boot Manager non è troppo disordinato, o se non ti senti a tuo agio a decidere cosa può essere cancellato e cosa non dovrebbe essere cancellato, vai al punto 4.2.

Per eliminare tutte le voci che non ti servono, usa efibootmgr -b <hex_number> -B , dove hex_number è sostituito dal numero elencato con la voce di avvio. Pertanto, per rimuovere la voce USB Drive (UEFI) (numero di avvio 2001 ) nell'immagine sopra, utilizzerei sudo efibootmgr -b 2001 -B . Noterai che ho lasciato alcuni duplicati (tutte le 3000 voci numerate).Puoi utilizzare efibootmgr con diverse opzioni per visualizzare alcuni altri attributi delle voci, ad esempio i percorsi dei file a cui puntano. Queste voci sembrano duplicati, ma indicano tutti file diversi utilizzati dal mio portatile HP per aggiornare il BIOS. Fai attenzione a ciò che rimuovi. Qui può essere molto difficile o impossibile sostituire le cose. Puoi anche usare efibootmgr per cambiare BootOrder, che visualizza. Vedi la pagina man per ulteriori informazioni su questo utile strumento.

Passaggio 4.2: Installazione di Ubuntu

Dopo aver ripulito le voci di EFI Boot Manager, se si è scelto di farlo, è finalmente il momento di installare Ubuntu. Con il tuo CD / USB live caricato, seleziona l'opzione di installazione dal menu del bootloader o avvialo dal desktop dopo aver effettuato l'accesso. Scegli le opzioni nella prima pagina del programma di installazione. La seconda parte sarà simile a questa: (Sto usando Xubuntu 14.04, quindi il tuo programma di installazione potrebbe variare, ma le opzioni dovrebbero essere piuttosto simili.)

Se il tuo programma di installazione non rileva l'installazione di Windows (come la mia), dovrai selezionare l'opzione "Qualcos'altro". Da lì, avrai una schermata simile al menu gparted che hai usato per configurare le tue partizioni. Seleziona semplicemente le partizioni che hai creato e assegnale al punto di montaggio corretto selezionando una partizione e facendo clic su "Cambia".

  • Se stai installando entrambi i sistemi operativi da zero, fai la stessa cosa. Non utilizzare l'opzione di installazione automatica. Devi assicurarti che Ubuntu venga installato nella partizione ext2 / ext3 / ext4, non nella partizione FAT32 di Windows.

Passaggio 5: aggiorna o installa Windows secondo

Dovresti avere un disco di installazione per Windows 10. Prima di iniziare l'installazione, assicurati di avere il codice prodotto nelle vicinanze, altrimenti non sarai in grado di installare / aggiornare. Quando si avvia il CD / USB di installazione, l'installazione è piuttosto semplice. Un po 'troppo semplice per il mio comfort - l'unico pulsante era "Installa Windows 10" o qualcosa del genere, e Windows 8, 8.1 e 10 sono famigerati per le loro installazioni "dietro le quinte", dove si dice semplicemente "Siamo preparare le cose "e non fornisce dettagli su ciò che effettivamente sta facendo al tuo sistema. Se hai seguito queste istruzioni finora, dovrebbe essere OK iniziare l'installazione regolarmente.

  • Se esegui l'aggiornamento da Windows 8 o Windows 8.1, non dovresti fare nulla di speciale con il processo di installazione. Passare attraverso l'installazione (molto lunga) e procedere al passaggio 6.

  • Se stai facendo una nuova installazione, il programma di installazione ti chiederà dove vuoi installare Windows 10. Assicurati di selezionare la partizione FAT32 che hai fatto nel passaggio 2, e non un'altra partizione, o quella partizione essere cancellato e formattato. Poiché Ubuntu è già installato, Windows 10 dovrebbe essere rispettoso della partizione di avvio e non riformattarlo. L'eliminazione delle voci spazzatura dall'elenco di EFI Boot Manager consente inoltre di liberare spazio nella partizione di avvio da 200 MB, riducendo le possibilità che Windows si confonda e si arrabbi e cancella tutto da solo.

Passaggio 6: aggiorna e (facoltativamente) personalizza GRUB

Dopo l'installazione o l'aggiornamento a Windows 10, sarà necessario riavviare su Ubuntu per aggiornare GRUB in modo che includa il Boot Manager di Windows nel suo elenco. Prima di eseguire questa operazione, disattiva nuovamente l'avvio rapido. Ciò avviene in modo molto simile a come lo hai fatto nel passaggio 2. Il pannello di controllo e l'interfaccia utente delle impostazioni sono leggermente diversi, ma la maggior parte delle opzioni è ancora lì .

Dopo aver disattivato di nuovo l'avvio rapido, riavvia il computer.

Se Windows si avvia per impostazione predefinita, è necessario tenere premuto il tasto speciale per il laptop per accedere al menu del firmware del sistema. Sul mio HP TouchSmart, quella chiave è Esc. Altri tasti comuni sono F12, Elimina, F10 ... Il manuale del tuo computer dovrebbe essere in grado di aiutarti. Dal menu del firmware, avviare in GRUB. Ci dovrebbe essere un'opzione per "selezionare un dispositivo di avvio" o qualcosa di simile, e Ubuntu o GRUB dovrebbero essere elencati lì. Se non è elencato, cercare un'opzione per l'avvio da un file EFI e navigare in /EFI/ubuntu/grubx64.efi o (se è abilitato Avvio protetto), EFI / ubuntu / shimx64.efi. I percorsi effettivi di questi file possono variare a seconda delle opzioni e della modalità di configurazione della partizione di avvio, ma i nomi dei file devono essere uguali. La selezione di uno di questi file .efi deve essere avviata in GRUB, dove è possibile avviare la distribuzione di Ubuntu. Una volta effettuato l'accesso, apri un terminale e digita sudo update-grub . Questo eseguirà lo script os-prober che GRUB usa per compilare grub.cfg, che dice al file EFI di grub quali voci includere, quali colori usare, ecc. Lo script os-prober dovrebbe identificare il Boot Manager di Windows, e aggiungerlo automaticamente a la lista.

Facoltativamente, è possibile installare Grub Customizer per modificare l'ordine delle voci di menu e modificare il comportamento, il colore e lo sfondo del menu di GRUB. Puoi installarlo da un terminale usando sudo apt-get install grub-customizer , quindi eseguire sudo grub-customizer .

Quando si usa GRUB su un sistema UEFI condiviso con un SO Windows, NON installare su MBR. Alcuni tutorial lo elencano come passaggio cruciale per usare l'opzione "Installa su MBR" di Grub Customizer sotto il File menu. Dovresti non fare questo sulla maggior parte dei sistemi UEFI. L'MBR (Master Boot Record) è progettato per firmware BIOS e viene ancora utilizzato da Boot Loader di Windows in una certa misura. L'aggiunta di GRUB all'MBR, quando è già presente nell'elenco di voci EFI, può causare molti peli di capelli. Se hai bisogno di assicurarti che GRUB sia la prima voce nella lista degli ordini di avvio (cioè se Windows è sempre in fase di avvio, anche se hai fatto tutto bene), usa efibootmgr (vedere il passaggio 4.1) per visualizzare / modificare l'ordine di avvio di EFI Manager.

Note

Non ho menzionato Secure Boot affatto, perché normalmente non dovrebbe influenzare l'installazione di Ubuntu. Molte esercitazioni di dual-boot parlano di disabilitarlo, ma di solito non è necessario con un programma di installazione corrente a 64 bit. Tuttavia, ogni PC è diverso e Secure Boot è abbastanza nuovo (2012), quindi i diversi firmware possono implementare le cose in modo diverso. Ad esempio, la versione del mio firmware HP include un'opzione "legacy boot", che disabilita Secure Boot e tratta i SO installati come se si trattasse di firmware BIOS: alcune persone consigliano di abilitarlo per l'installazione per dual-boot. L'installazione di Ubuntu in modalità di avvio legacy sul mio sistema ha impedito a GRUB di aggiungersi all'elenco delle voci EFI, quindi tutto ciò che poteva fare era aggiungersi all'MBR, di cui Windows Boot Manager aveva il pieno controllo. Il Boot Manager di Windows ha apportato molte modifiche anche per visualizzare l'elenco delle voci e, dopo tutto, avvierà solo le voci di Windows, rendendo inutilizzabile GRUB senza selezionare manualmente il file EFI ogni volta che l'ho acceso.

Vedi qui per ulteriori informazioni su Ubuntu e Avvio protetto e avvio legacy e informazioni sulla differenza tra UEFI e le installazioni del BIOS in generale.

    
risposta data Michael Hoffmann 28.08.2015 - 01:43
7

Non voglio duplicare un post per potenziali violazioni delle norme, quindi collegherò la mia risposta a questo problema. In breve, ho un laptop Samsung con Windows 10 già installato e mi sono cercando di installare linux con più istanze; Ubuntu 12.04, 14.04 e 16.04. Ho usato Boot-Repair e ho cambiato Boot Priority nel mio Setup BIOS che ha prodotto un GRUB funzionale, ma disordinato caricamento prima. La risposta dell'utente Michael Hoffmann fornisce una buona spiegazione per l'installazione sull'unità vuota e su come ripulire GRUB , ma non volevo rimuovere la mia installazione di Windows 10.

Una spiegazione dettagliata può essere trovata nel mio post QUI .

    
risposta data Paresh471 27.04.2016 - 08:56
4

Posso presentarti un semplice trucco per questo problema, usalo se nessuna delle soluzioni legit risolve il tuo problema.

Mentre Windows continua a cambiare l'ordine di avvio, l'hack è quello di ingannare Windows per riconoscere Ubuntu Grub come file di avvio di Windows, cioè bootmgfw.efi

  

Parte 1: accesso alla cartella EFI su Windows

Apri cmd come amministratore e monta la cartella EFI per accedervi. Esegui i seguenti comandi uno per uno. Sotto ho assegnato la lettera g alla montatura, assicuratevi di aver assegnato una lettera non assegnata sul vostro PC.

mountvol g: /s
g:
cd EFI\

Dovresti vedere una cartella Microsoft e una cartella Ubuntu all'interno di EFI.

  

Parte 2: copia grubx64.efi da Ubuntu a Microsoft \ Boot \ as bootmgfw.efi

Crea innanzitutto un backup di bootmgfw.efi

cd Microsoft\Boot\
rename bootmgfw.efi bootmgfw_.efi

Adesso fai la copia e rinomina.

copy g:\EFI\ubuntu\grubx64.efi g:\EFI\Microsoft\Boot\
rename grubx64.efi bootmgfw.efi
  

Parte 3: Smontare la cartella EFI

Esegui i seguenti comandi uno per uno.

c:
mountvol g: /d

Ora riavvia il tuo PC e dovresti vedere Ubuntu GRUB caricare che dovrebbe avere un'opzione loader UEFI di Windows per avviare Windows.

    
risposta data Envy 24.08.2016 - 19:29
2

Una soluzione un po 'più semplice per il problema precedente.

  1. Premere F10 durante l'avvio per passare attraverso le impostazioni BIOS avanzate
  2. Nelle impostazioni del BIOS Boot Order abilita l'ordine di avvio legacy che abiliterà sia UEFI che legacy Boot Order.
  3. Aumentare il ritardo di avvio a 5 secondi darà un po 'di tempo durante la selezione del sistema operativo all'avvio.
  4. Salva le impostazioni del BIOS ed esci.
  5. Al prossimo avvio ti verrà chiesto l'opzione di selezione di avvio. Premi F9 per accedere e selezionare l'opzione di avvio appropriata (Boot Manager di Windows OS o Ubuntu)
risposta data vishal yadav 20.12.2015 - 17:14
0

Ho trovato una molto soluzione più semplice, che funzionava su un laptop HP (355 G2) su cui era installato Windows 10

  1. Premi escape durante l'avvio
  2. Premi F9 per le opzioni di avvio
  3. Seleziona l'opzione USB che non UEFI (sulla mia era la parte inferiore dell'elenco) e premi Invio
  4. Verrà visualizzata una schermata di messaggio di errore. Tuttavia, devi solo digitare "live" per provare il sistema operativo o "live-install" e premere invio per installarlo, e tutto dovrebbe andare bene ...
risposta data Amphibio 05.03.2017 - 23:00

Leggi altre domande sui tag